F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA

www.guglionesi.com ● ANNO 21°
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di
ARS idea studio.

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
È proprio perché immaginiamo una comunità migliore, in ogni senso, con umiltà mettiamo a disposizione della collettività il nostro impegno.

........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (
Vincenzo Di Sabato)




 
 

 


Condividi
l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB

 
Articolo consultato 615 volte ● Archivio 12003 FPW

 Guglionesi 
In ricordo di Vincenzo Lorito


Adele Terzano
Pubblicato in data 25/1/2021 ● FUORI PORTA WEB © 2000

Mi è caro ricordare il nostro compaesano Vincenzo Lorito venuto a mancare in questi giorni a Montrèal. Emigrato in Canada nel 1956 molto giovane ha mantenuto intatte le tradizioni del suo paese attraverso vari scritti in dialetto e in italiano. Ho avuto modo di conoscerlo e di apprezzarlo indirettamente venuta in possesso di alcune sue poesie in dialetto guglionesano e poi personalmente in un mio viaggio con la comunità guglionesana in Canada. In esse l’autore esprime il suo amore struggente per la sua amata Guglionesi. Nella poesia “E’ timbe p’i saleute” Già è rrevète u timbe pe te manna’ i saleute/ sctinghe bbone e cambe pe ta è resapeute/… Mo’ lasseme te dece, teu bella Guejenesce/ passene gaure, iurne e mesce/ e gna matte u pane mmaucche ze n’aghèsce pu delaure/ e ngape eja perta’ sèmbre na fasce./ Perdeuneme s’a vauce ne me sinde/ però l’anema meie t’arreve chi vinde/ come nu foche quanda n’de’ a precèsse. “E’ tempo per i saluti” Già è arrivato il tempo per mandarti i saluti/ sto bene e vivo per te è risaputo/… Adesso lascia che io ti dica, tu bella Guglionesi/ passano ore, giorni e mesi/ e come metto il pane in bocca se ne esce per il dolore/ e sulla testa devo portare sempre una fascia./ Perdonami se la voce non mi senti però l’anima mia ti arriva con i venti/ come un fuoco quando non ha un solco profondo intorno. Nella poesia “Na macchietèlle grosse grosse” l’autore ribadisce la grandezza del suo paese pur essendo un puntino sulla carta geografica… Quella macchietèlle che ze vade saupre u maunne/ maie ce scumbaresce/ qualle gheie na macchietèlla sacre/ e ze chième Guejenesce. “Una piccola macchia grande grande” Quella piccola macchia che si vede sul mondo/ mai scomparirà/ quella è una piccola macchia sacra/ e si chiama Guglionesi. E sempre nei suoi scritti l’autore ribadisce il forte amore per il suo paese. A passiaune pu paiase meie è forte, le porte a nu core ogni memènde. La passione per il mio paese è forte, la porto nel cuore ogni momento. Nella poesia “Lundane ma da vecene u core” il poeta si esprime così: Teu forze ne le siie/ ma si’ u core de chi te pènze e sautte i pide le tiie/… Cu core ze ne sème jeute/ ma l’aneme scta sèmbre aghèlle/ velasse aredevendaie nu cèlle che vaule lundane/ pe menerete abbracciaie/ cu chjeuchje da tramundane. “Lontano ma vicino al cuore” Tu forse non lo sai/ ma sei il cuore di chi ti pensa e sotto i piedi li tieni/… Col cuore ce ne siamo andati/ ma l’anima è sempre lì/ vorrei diventare un uccello che vola lontano/ per venirti ad abbracciare/ col soffio della tramontana. Nella poesia “Gujenesce si’ bèlle” il poeta esprime il suo amore sconfinato per il suo paese e il dolore costante del distacco come di un innamorato lontano dalla sua amata! Ma teu che si’ pe ma/ sènde ca ti’ na forze quasce soprannaturale/… A leune sèmbre sèmbre scta’ che ta/ peure quanda n’ze vade a ta t’alleumene./ A notte saupre i neuvele/ l’angele te fanne a speje ca t’anna pettura’/ preme che ve’ a matene e t’areveje/… Ma teu scti sèmbre aghèsse/ mo ti’ i radecia tuscte./ E chi te move./ Imbonènde!!! E de chi n’de po’ veda’/ teu n’de ne cheure/ ma a chelle che t’appartinnene/ e si’ ca bene te vonne/ tutte u core. “Guglionesi sei bella” Ma tu che sei per me/ sento che hai una forza quasi soprannaturale/… la luna sempre sempre sta con te/ anche quando non si vede ti illumina./ La notte sulle nuvole/ gli angeli ti fanno la spia che ti devono pitturare/ prima che arriva il mattino e ti risvegli/… Ma tu sei sempre lì/ adesso hai le radici forti./ E chi ti muove. Imponente!!! E di chi non ti sopporta/ tu non te ne curi/ ma a quelli che ti appartengono/ e sai che bene ti vogliono/ tutto il cuore. Un’altra poesia struggente è “Saleute e vasce” Te manne nu saleute tèrra meie/ sennau me sènde gnè na pecuendreie/ sèmbre, ogni memènde te manne tanda vasce/ pe l’angele che passe a Guejenesce/… Te vade sellevate e sèmbre allèrte/ Deie tra ta e u saule/ che l’aumbra seie t’ha cupèrte./ A premavère i rannele te sfiaurene/ i tette e ballecheune tutt’ in chjaure./ N’de da’ guarda’ ma arrète/ ne fa’ ca t’areteurne/ i secuele l’hi passate a iurne a iurne./ Te gude l’aria frasche che passe p’a rose di vinde./ Cu vendarèlle le sinde dell’andenate l’èche di laminde?/ Ma teu che scti nzeppelate saupre a ssa cuellene/ chi vraccia spalazzate arebbricce i gènda tiie/ che de ta n’ze so’ scuerdate. “Saluti e baci” Ti mando un saluto terra mia/ se no mi sento come un’ipocondria/ sempre, ogni momento ti mando tanti baci/ con l’angelo che passa a Guglionesi/… Ti vedo sollevata e sempre allerta/ Dio tra te e il sole/ con l’ombra sua ti ha coperta./ A primavera le rondini ti sfiorano/ i tetti e i balconi tutti in fiore./ Non ti devi guardare mai indietro/ non fare che ritorni/ i secoli li hai passati giorno per giorno./ Ti godi l’aria fresca che passa per la rosa dei venti./ Col venticello lo senti degli antenati l’eco dei lamenti?/ Ma tu che sei accalcata su quella collina/ con le braccia spalancate riabbracci la tua gente/ che di te non si è scordata. Queste sono solo alcune poesie che compaiono sul libro scritto prevalentemente in dialetto guglionesano “Guglionesi” – Storia e fantasia, dedicatomi dall’autore ove fa descrizioni non solo del suo viaggio da emigrante in America, la dolorosa separazione dal suo paese natio che è un leit motiv di tutta la sua produzione sia in prosa che in poesia ma con foto d’epoca descrive e illustra momenti di vita paesana. Voglio ricordare Vincenzo Lorito che come pochi ha saputo descrivere con passione traboccante sia in prosa che in poesia la sua condizione di emigrante sradicato dal proprio paese ma che conserva intatte le proprie radici con una tale passione e con un tale trasporto che merita di essere annoverato tra le persone che hanno dato lustro alla nostra amata Guglionesi.

Un grazie di cuore carissimo Vincenzo. Riposa in pace.

 

FUORI PORTA WEB © 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.


Segui FUORI PORTA WEB sui social

      


Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare l'e-mail all'indirizzo

fpw@guglionesi.com






FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com