F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA

www.guglionesi.com
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di
ARS idea studio.

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
È proprio perché immaginiamo una comunità migliore, in ogni senso, con umiltà mettiamo a disposizione della collettività il nostro impegno.

........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (
Vincenzo Di Sabato)



 




 
 

 


Condividi
l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB

 
Articolo consultato 836 volte ● Archivio 12038 FPW

 Guglionesi 
UN TAVOLO PROGRAMMATICO PER APRIRE UNA NUOVA FASE POLITICA COSTRUTTIVA...


GUGLIONESI RIPARTE
Pubblicato in data 22/2/2021 ● FUORI PORTA WEB © 2000

Una nuova impennata della pandemia sta colpendo duramente l’Italia, la nostra Regione e, purtroppo, anche la nostra Comunità.
E’ inutile ricordare che, negli ultimi due anni e poco più, Guglionesi è stata più volte colpita da calamità naturali (un’alluvione, il terremoto e poi un lungo periodo di pandemia che ancora persiste) che hanno messo a dura prova la tenuta sociale ed economica della nostra Comunità.
Oggi, più che mai, siamo costretti a vivere con le preoccupazioni circa la capacità reattiva e la resilienza del sistema Molise, persino nella garanzia fondamentale del diritto alla salute e, quindi, alla vita. Assistiamo, sbigottiti, ma indomiti ad un virus che non lascia fuori nessuno.
Dunque, siamo immersi in una congiuntura negativa senza precedenti, che ci coglie, in parte, impreparati per via di:
1. un sistema infrastrutturale al collasso, dopo anni di incuria e di abbandono e di politiche inadeguate;
2. di un apparato burocratico e politico/amministrativo inefficiente ed incapace di organizzare azioni di contrasto efficaci.

Emerge uno scenario difficile, aggravato da una politica balbettante e confusa, rispetto le sfide di una situazione oggettivamente inedita e difficile che impedisce, se non ci sarà un cambiamento, le stesse possibilità di immaginare un futuro degno di questo nome per la nostra Comunità.

Partendo da queste riflessioni di oggettiva difficoltà percepiamo una condivisione significativa con quanto espresso nell’ultimo manifesto dal gruppo Comunità e Futuro.
Condividiamo, innanzitutto, il punto di partenza dell’analisi sociale. Il problema strutturale del cosiddetto “inverno demografico” (denatalità, invecchiamento e diminuzione della popolazione, che tutte le statistiche confermano) ed il suo intreccio con il decennio della “depressione economica” con le sue conseguenze più allarmanti (disoccupazione giovanile, fuga migratoria dei giovani in cerca di lavoro e crisi della piccola e media attività).
Inoltre, conveniamo sul tema della inadeguatezza e l’arretratezza di una politica che, tra silenzi, congiure, transfughi e saltimbanchi, cerca di inchiodare la nostra comunità dentro la logica dell’amico nemico e, come detto, “del tanto peggio, tanto meglio”.

Nella piena responsabilità di persone scelte per guidare l’Amministrazione, siamo convinti, facendo anche una sana autocritica, che la nostra Comunità merita ed ha bisogno di un’azione di ben altro respiro e prospettive.
Ed allora, noi in maggioranza, ci siamo confrontati ed abbiamo deciso di accettare la sfida di aprire un confronto che parte da una visione del paese (cosa siamo e, soprattutto, cosa vogliamo diventare) condivisibile e propone linee di intervento che possono aiutare la Comunità ad uscire da una fase a dir poco difficile.
Considerato il quadro eccezionale che stiamo tutti vivendo, conveniamo sulla proposta di una ristrutturazione dell’agenda, arricchendo il quadro delle priorità. Abbiamo compreso che non si esce dall’emergenza senza innovare. Le toppe emergenzialiste non bastano più. Noi, nonostante le difficili condizioni date, abbiamo cercato di fare il massimo. Ma spesso siamo stati ostacolati non solo dalle continue e ripetute emergenze, che pure hanno avuto il loro peso, ma anche, è inutile nasconderlo, dalle inefficienze della macchina burocratica che abbiamo ereditata (e che abbiamo con coraggio iniziato a cambiare), nonché da iniziative politiche di tipo personalistiche che hanno distratto le nostre energie.

I punti posti dal gruppo Comunità e Futuro riconosciamo essere composta da questioni annose che si pongono sul solco di una critica costruttiva.
Naturalmente ci sentiamo sin da adesso d’accordo a sperimentare nuove soluzioni, accanto a quelle già previste nei nostri punti programmatici, confidando in proposte concrete e realistiche, che vanno principalmente nella direzione di una:
1. riduzione degli sprechi e delle inefficienze per conseguire un abbassamento delle tasse;
2. promozione di una politica di equità sociale per aiutare chi ha meno;
3. rilancio del welfare locale e affrontare le emergenze legate alla povertà educativa ed alla povertà culturale, con la promozione di un patto educativo di comunità che coinvolge e mobilità tutti gli attori interessati;
4. elaborazione di un piano strategico di comunità che mette l’Amministrazione comunale e le piccole imprese locali nella condizione di sfruttare al meglio le risorse della nuova programmazione europea 2021-2027, che peraltro abbiamo già iniziato a realizzare con la creazione dell’Ufficio Europeo.

Pertanto, su questi principi accettiamo di buon grado la proposta di Comunità e Futuro, ma pensiamo che per perseguire ciò sia necessario allargare il campo ed aprire lo sguardo verso una nuova stagione incentrata sul protagonismo comunitario che attorno ad una idea di paese si mobilita in positivo e in modo costruttivo. Siamo convinti che occorra un tavolo tecnico/politico aperto, oltre che alle rappresentanze politiche, anche all’associazionismo ed ai rappresentanti delle piccole imprese artigianali e commerciali che insistono sul nostro territorio.

Per quanto ci riguarda sin dai prossimi giorni proporremo la costituzione di un tavolo istituzionale programmatico aperto ed un cronoprogramma concordato.  

FUORI PORTA WEB © 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.


Segui FUORI PORTA WEB sui social

      


Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare l'e-mail all'indirizzo

fpw@guglionesi.com






FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com