BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
Tra i primi blog fondati in Italia
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.
Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia. Le sue divulgazioni digitali a carattere culturale, nonché editoriali, hanno superato 2.500.000 di visualizzazioni/letture, riprese e citate in varie pubblicazioni internazionali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


Condividi l'articolo:
 
© FUORI PORTA WEB

Poesia

"LA NUVOLA DI COLA DI BRECCIA" DI VINCENZO LORITO








Guglionesi, 25/8/2021     520


In ricordo di Vincenzo Lorito un nostro compaesano che è venuto a mancare alcuni mesi fa a Montréal .

Che l' afaracce du mase d' agueuscte/ l' arie z' è mutate/ tutte z' è acquejatate/ .Tutte i nemale ca coccia agavezate/ mettavene a racchie tutte nguesctiunate. / Nu galle patraune de tutte i gallene deciave : / Uajeu, tutte davandre pecca' a tembescte e' vecene. / Gheie songhe nu galle/ ch' haje fatte progresse/ saule ca quande anneummene a spalle me manghe ma esse."/
Accuesce' l ucchie menavene a Cole de Vracce/ na neuvela nare aghelle z' affacce/i cuendadene/ tutte mbauerete/ ggieune vicchie e guajeune tutte ndramurtete/ i zappe i mberchete e i favecieune/ le iettavene lundane a la scuendreune/ accuesce' i seleusctre z' attaccavene a lore/ pe ne fa male a niende e nescieune./ I preme gaucce sbattavene nderre/ l' acque e a terre faciavene a guerre/ veummete e seleusctre spaccavene u cile / u vende forte ze pertave i serreune/ i cerquela grusse pu vende gramavene/ e l' eune e l' atre ch' i rame z' arengrambavene/ i rama sctesse ie ze spezzavene. /Tutte i vegnarelle bbone assescteute/ grannele e vende l' hanne tutte abbatteute/ l'euvve di raspe l' ha fatte sgraceneie'/ e mo u vene nove nze po cchiu' faie./ Intande a tembescte cumenze a calmaie/ u galle dafore z' accumenze a ffacciaie/ i vrescuela fresche le cumenze a cercaie/ i cille assaupre all' are cumenzene a recumbareie/ ognueune ze sende come a na casa seie/ u saule è arescieute cchiu' forte de preme/ a Cole de Vracce è schiarete/ l' arie è bbelle e sembre/ cchiu' fene./ Ma u cuendadene le guarde da lundane/ che nu basctaune a purtate de mane/ a Cole de Vracce i sendinzie menave. / Na cose ghe m' arecorde pe tutte a vete/ è ca teu a maie m 'hi sembre tradete/e se tenasse a forze du Patreterne / gheie te sctrejasse pe tutte l' eterne/ quessu colle le spianasse/ le faciasse vasse vasse/ e a cece fafe e grandenie le cueltevasse./ Ah! Cole de Vracce. Cole de Vracce / tra ta e ma n' eme fatte ma n' abbracce./ na cose m ' arecorde pe tutt'a vete/ è che teu a ma m' hi sembre tradete/ e se tenasse a forze du Patreterne / gheie te scetrejasse pe tutte l' eterne / quessu colle le spianasse/ le faciasse vasse vasse/e a cece fafe e grandenie l e cueltevasse/ Ah! Cole de Vracce Cole de Vracce / tra ma e ta nge' sctate ma n' abbracce.

La nuvola di Cola di Breccia
Con l' afa del mese di agosto l aria si è mutata/ tutto si è acquietato/ gli animali con la testa alzata ascoltavano con apprensione/ Un gallo padrone di tutte le galline diceva: Ragazzi , tutti dentro perché la tempesta è vicina. / Io sono un gallo che ha fatto progresso/ solo che quando nomino la spalla mi manca una esse". /Cosi l' occhio menavano a Cola di Breccia una nuvola nera è li che si affaccia/ i contadini tutti impauriti giovani vecchi e bambini tutti tramortiti/ le zappe le forche e i falcioni li gettavano lontano alla rinfusa così i fulmini si attaccavano a loro per non far male a niente e a nessuno./ Le prime gocce sbattevano a terra l' acqua e la terra facevano la guerra/ tuoni e lampi spaccavano il cielo il vento forte si portava i covoni le querce grandi per il vento gramavano e l' uno all' altro i rami si attorcigliavano e gli si spezzavano / Tutte le vignarelle ben assistite grandine e vento le hanno tutte abbattute l 'uva dai grappoli li ha fatti sgranellare e adesso il vino nuovo non si può fare./ Intanto la tempesta si comincia a calmare il gallo fuori si comincia ad affacciare i lombrichi freschi li comincia a cercare/ gli uccelli sull'aia comincia no a ricomparire ognuno si sente come a casa sua./ Il sole è apparso più forte di prima a Cola di Breccia si è rischiarato l'aria è bella e sempre più fine./ Ma il contadino la guarda da lontano con un bastone a portata di mano a Cola di Breccia sentenziava." Una cosa ricordo per tutta la vita è che tu mi hai sempre tradito e se avessi la forza del Padreterno ti struggerei per l' eterno quel colle lo spianerei lo farei basso basso e a ceci fave e granturco lo coltiverei Ah ! Cola di Breccia Cola di Breccia tra te e me non c'è stato mai abbraccio.

Dal libro di Vincenzo Lorito Guglionesi
Traduzione in dialetto e i n italiano di Adele Terzano.


FUORI PORTA WEB © 2000-2022
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail:
fpw@guglionesi.com