F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA

www.guglionesi.com
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di
ARS idea studio.

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
È proprio perché immaginiamo una comunità migliore, in ogni senso, con umiltà mettiamo a disposizione della collettività il nostro impegno.

........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (
Vincenzo Di Sabato)



 




 
 

 


Condividi
l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB

 
Articolo consultato 1394 volte ● Archivio 2060 FPW

 Guglionesi 
Il separatismo padano della Lega Nord di Umberto Bossi


Filippo Salvatore
Pubblicato in data 19/8/2009 ● FUORI PORTA WEB © 2000

Da oltre un decennio verso la metà di settembre il capo delle Lega Nord Umberto Bossi guida i suoi elettori e simpatizzanti lungo il corso del Po fino a Venezia dove versa nell'Adriatico simbolicamente l'acqua attinta alle sorgenti del fiume, al Monviso. La portata di questo gesto simbolico si sta trasformando di anno in anno in un momento di aggregazione, di appartenenza territoriale. Certo gli ‘arrembaggi' su Venezia delle camicie verdi non sono ancora paragonabili alla ‘Marcia su Roma' delle camicie nere. Sta di fatto che Umberto Bossi ha ribadito che il federalismo fiscale, le gabbie salariali, l'imposizione della conoscenza del dialetto veneto, lombardo o piemontese per chi arriva dal sud e va ad insegnare al nord, l'uso della bandiera regionale accanto al Tricolore italiano, l'uso della lingua veneta sul quotidiano La Padania, non sono che il primi passi verso la secessione territoriale, la creazione dello stato indipendente della Padania.
I governanti italiani di oggi, soprattutto il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ed il Premier Silvio Berlusconi, debbono prendere sul serio, alla lettera, le dichiarazioni del senatur; devono evitare cioè di considerare semplici iperboli verbali il suo intento secessionista ed i vari attacchi allo Stato italiano, sinonimo di ‘ Roma ladrona', al tricolore, all'Inno di Mameli, a Garibaldi.
Finora le massime autorità della Repubblica Italiana hanno intimato a Umberto Bossi di non oltrepassare i limiti della libertà di pensiero, di espressione e di azione garantiti ad ogni cittadino dalla Carta Costituzionale, e, nel suo caso specifico, ad un eletto.
Se la Lega non riuscirà a far prevalere la propria versione del federalismo fiscale ed inciterà i suoi seguaci alla rivolta fiscale, alla disubbidienza civile o all'aperta delegittimazione dei rappresentanti dello Stato Italiano, il potere giudiziario ha ragioni precise per arrestarlo e condannarlo, con il rischio tuttavia di trasformarlo in perseguitato politico.Il che potrebbe fomentare atti di violenza sociale.
Alle elezioni nazionali del 2008 ed europee del 2009 la Lega Nord ha conseguito buoni risultati ed in Lombardia e nel Triveneto è assurto addirittura,in alcune zone, a primo partito. La Lega Nord ha un indubbio radicamento territoriale ed Umberto Bossi è da due decenni il portavoce del malcontento della piccola e media borghesia settentrionale e persino di una percentuale crescente dei lavoratori. Detta borghesia,divenuta ricca, vuole che le tasse che paga vengano usate per l'amministrazione e lo sviluppo del proprio territorio. Attraverso Bossi essa esige un vivere ordinato,una società moderna ed efficiente, l'utilizzo trasparente delle risorse finanziarie: esigenze, tutte queste, che lo Stato unitario italiano, con sede a ‘ Roma ladrona' non è, secondo la Lega, all'altezza di soddisfare. Resta tuttavia da dimostrare che le regioni settentrionali sono esenti da corruzione e da infiltrazioni del crimine organizzato. Milano non è sinonimo di ‘tangentopoli' ed il ‘palazzinaro' e speculatore per antonomasia italiano non è il lombardo Silvio Berlusconi ?
Nell'Italia del secondo dopoguerra, dopo la morte di De Gasperi ed Einaudi è prevalsa la concezione centralizzata dell'esercizio del potere, spesso non ottemperando, nelle regioni a statuto ordinario, allo spirito ed alla lettera della Costituzione. L'ex ideologo della Lega, il sociologo Miglio, si rifaceva al pensiero federalista dello storico ed economista milanese Carlo Cattaneo(1801-1869),il quale si opponeva alla repubblica unitaria di Giuseppe Mazzini o alla monarchia anch'essa unitaria di Camillo Benso di Cavour, realizzata da Giuseppe Garibaldi nel 1860. Cattaneo proponeva uno Stato repubblicano e federalista come modello per la Nazione Italiana.
Il sentimento di appartenenza all'Italia, ad una stessa Patria comincia ad affermarsi tra i soldati di diversa provenienza regionale durante la prima guerra mondiale, e cresce durante il regime mussoliniano.Ma è la TV di stato negli anni Sessanta che riesce a creare ed a far accettare modelli collettivi, identitari e linguistici, a livello nazionale. Malgrado questi fenomeni, il sentimento di appartenenza ad un territorio specifico ( piu' o meno ai sette stati pre-unitari) è rimasto ed in parte rimane ancora. Questo è il sostrato storico ed identitario al quale la Lega ha saputo fare appello da circa due decenni. Si è dovuti arrivare al malgoverno delle antilopi e delle bustarelle degli anni Settanta, alla partitocrazia craxiana degli anni Ottanta, alla connivenza tra crimine organizzato e potere politico in Sicilia, Calabria,Campania e Puglia, a Tangentopoli a Milano nel 1992-93, perchè il risentimento popolare nella parte piu' prospera d'Italia, tartassata di tasse da uno Stato accentratore, lontano geograficamente,ma presente con il suo apparato burocratico elefantiaco ed inefficiente, esplodesse.
Anche se alleati per convenienza, prima Forza Italia e poi il PdL di Silvio Berlusconi da una parte e la Lega Nord di Umberto Bossi dall'altra, esprimono visioni contrastanti dello Stato. Berlusconi è il continuatore del Craxismo nella sua versione post-moderna, nell'età del computer e della TV in cui ‘the medium is the message' ( il mezzo è il messaggio). Il consenso cioè si ottiene e si mantiene attraverso i mezzi di comunicazione. Bossi esprime invece la protesta sociale e viscerale di gente radicata ad un territorio specifico, la Padania. È il comizio e la presenza sul territorio amministrato quello che conta per la Lega Nord.
Resta da vedere e soprattutto da dimostrare se la Padania,come entità politica autonoma, finirà col nascere e con il portare vantaggi alle regioni settentrionali italiane. La nascita delle piccole patrie è veramente la risposta all'inefficienza delle grandi nazioni? Non credo. I due referenda sulla secessione persi dai nazionalisti quebecchesi nel 1980 e nel 1995, dimostrano che l'appartenenza al Canada, nel loro caso, ed all'italia, nel caso della Lega se mai si arriverà ad un referendum sulla secessione della Padania, finisce col contare di piu' del risentimento. Appartenere ad un grande paese come il Canada o l'italia ha, malgrado tutto, piu' vantaggi che svantaggi.
Se mai negli anni a venire la Padania verrà ad esistere come paese autonomo, dovrà vedersela con stati come la Germania, la Francia, l'inghilterra, il resto dell'Italia, la Spagna o con i giganti economici extra-europei. La Padania con i suoi 25 milioni di abitanti sarà una media potenza, non farà piu' parte del G7 e la sua economia, ed il suo tenore di vita, dipenderanno in gran parte dalle decisioni prese dai grandi paesi.
Se il Bossismo non è che un pungolo per operare in tempi brevi riforme costituzionali in senso federalista ha un suo ruolo storico preciso e venga tollerato, malgrado le iperboli verbali e i turpiloqui del suo capo. L'italia, dopo oltre 60 anni di repubblica, ha un urgente bisogno di riscrivere la sua Carta Costituzionale tenendo conto dei profondissimi cambiamenti occorsi come la caduta delle ideologie.La Costituzione è in effetti un contratto sociale tra il cittadino e lo Stato e deve corrispondere alla qualità dei tempi ed all'evoluzione storica. In conclusione, se Bossismo vuole dire un'Italia nuova, federale, ben venga il suo contributo; ma se Bossismo significa rottura dell'unità nazionale italiana,la magistratura metta in atto l'obbligo per ogni cittadino, soprattutto se eletto alla Camera o al Senato, di rispettare i principi contenuti nella Costituzione.
[Fonte: Filippo Salvatore | News ITALIA PRESS -
www.newsitaliapress.it/pages/dettaglio.php?id_lnk=3_152126]  

FUORI PORTA WEB © 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.


Segui FUORI PORTA WEB sui social

  


Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare l'e-mail all'indirizzo

fpw@guglionesi.com






FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com