F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.

www.guglionesi.com ● ANNO 20°

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (Vincenzo Di Sabato)

 




Condividi l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB


Pubblicato in data 13/9/2014 ● Articolo consultato 2521 volte ● Archivio 8221 FPW

Guglionesi
"La Chiesa locale nel Settecento: appunti di vita materiale a Guglionesi" [II parte]


Sergio Sorella ● FUORI PORTA WEB © 2000

LA CHIESA LOCALE NEL SETTECENTO: APPUNTI DI VITA MATERIALE A GUGLIONESI
di Sergio Sorella

[II parte] - 2. Le confraternite

La chiesa è stata per secoli il centro sociale della comunità, detenendo un monopolio quasi totale dell’assistenza e dell’istruzione. Varie istituzioni collaboravano con gli ecclesiastici sia nella cura delle anime sia nella realizzazione di scopi pii. Tra queste, particolare importanza ebbero le confraternite, espressione del bisogno di solidarietà e di aiuto all’interno della comunità religiosa24. Guglionesi ha avuto quattro confraternite laicali: del Rosario, della Buona Morte, di S. Antonio da Padova e di S. Adamo25.
La prima, quella del Rosario, è la più antica, istituita il 25 giugno del 1575 con trecento ducati di rendita annuale. Essa era ispirata alla devozione mariana con la recita pubblica del Rosario. Il Capitolo aveva l’obbligo della messa quotidiana ed i confratelli avevano il permesso di conservare il Sacramento in chiesa. La confraternita della Buona morte era composta inizialmente, nel 1698, da soli nobili, il suo statuto, approvato dal vescovo Pitirro, ebbe nel 1731 l’approvazione sovrana. Si riuniva presso la chiesa di S. Michele Arcangelo concessa dal vescovo alla confraternita.

Della confraternita di S. Antonio da Padova sono conservati tutti i libri delle deliberazioni a partire dal 1832. La confraternita più numerosa era quella di S. Adamo ebbe vita fino alla fine del 1760; essa organizzava la festa del patrono, con digiuno pubblico alla vigilia, la partecipazione solenne alla processione ed il pranzo pubblico per i poveri26.
Queste confraternite provvedevano a soddisfare esigenze e bisogni di tipo temporali e spirituali; avevano per fine la diffusione della devozione e del culto dei santi, insieme a realizzazioni di carattere sociale (monti frumentari, assistenza ai malati ed ai moribondi). Negli statuti non manca mai, nonostante il trascorrere del tempo e l’articolarsi delle preferenze devozionali, disposizioni relative all’assistenza, alla sepoltura, alle esequie ed al suffragio per i defunti. Alla testa di queste associazioni vi era un Priore con il compito di sorvegliare la giusta applicazione degli statuti ed un economo con il compito di amministrare i beni posseduti dalla confraternita e maturati con lasciti e donazioni. Ogni confraternita aveva i suoi cappellani in qualità di elemosinieri e di padri spirituali. I confratelli erano uniti da legami che si manifestavano soprattutto nei banchetti, nei soccorsi morali e materiali, specialmente in occasione delle malattie e della morte27.
Queste chiesuole che teoricamente raccoglievano un gruppo di persone sotto la guida di un laico ed avevano un proprio clero e propri beni, entravano in concorrenza, talvolta in conflitto con i sacerdoti del Capitolo. L‘accentramento della vita religiosa nella parrocchia, operata a partire dalla fine del XVII secolo, rompeva un orientamento di frammentazione delle istituzioni ecclesiastiche, ma trovava, tuttavia, il suo limite maggiore nella struttura ricettizia della chiesa che, comportando il perpetrarsi di antichi privilegi, determinava l’impossibilità di dare adito alla formazione di un clero secolare adeguato alle nuove mansioni da svolgere. Si trattava di elementi frenanti alla diffusione anche delle confraternite che a Guglionesi dovevano versare somme di denaro per ogni messa che i sacerdoti del Capitolo officiavano nelle loro chiese28.

----------------------
24 Sul ruolo delle confraternite nella storia della chiesa: G. Le Bras, La Chiesa e il villaggio, Boringhieri, Torino 1976, pp. 115-129; R. Rusconi, Confraternite, compagnie e devozioni, in Storia d’Italia, annali IX, cit., pp. 469-506.
25 Presso l’Archivio parrocchiale di Guglionesi sono depositati gli Statuti delle confraternite della Buona morte con i libri delle deliberazioni a partire dal 1711 fino al 1932 e quelli della confraternita di S. Antonio da Padova a partire dal 1832.
26 ApG, B. 36 e 37 ff. 1-4.
27 «Che la principale cura dei fratelli dovrà essere di associare i morti nel Sepolcro per quale effetto ne debba essere secondo il solito, la Croce della Congregazione e subito che suonerà a portare alcun morto, debbo a gara correre per usare un tal atto di pietà». Ibid., B. 6, f. 64.
28 ApG, B. 6, f. 64: Stato delle rendite di S. Antonio Abate, del SS. Rosario, del Corpo di Cristo, di S. Adamo, della Buona Mote e di S. Antonio da Padova. «SS. Rosario. Dal 1702 il Rev. Collegio percepe dalla Chiesa del SS. Rosario di questa terra annui docati 36 per la celebrazione di una messa al giorno. (…) percepe dalla cappella annui docati cinque per la celebrazione di una messa alla settimana. (…) percepe dalla cappella di S. Adamo per la celebrazione di due messe la settimana (…) annui docati 12, percepe dalla chiesa di S. Michele Arcangelo, carlini 10, percepe dal Pio Monte di S. Antonio da Padova docati unii e carlini due per anniversario di benefattori».
 



Per pubblicare su Fuoriportaweb: fpw@guglionesi.com    




FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com