F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA

www.guglionesi.com
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di
ARS idea studio.

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
È proprio perché immaginiamo una comunità migliore, in ogni senso, con umiltà mettiamo a disposizione della collettività il nostro impegno.

........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (
Vincenzo Di Sabato)



 




 
 

 


Condividi
l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB

 
Articolo consultato 1601 volte ● Archivio 9570 FPW

 Guglionesi 
Le realtà nascoste che non aiuteranno l'Agricoltura italiana


Giorgio Scarlato
Pubblicato in data 5/3/2016 ● FUORI PORTA WEB © 2000

Le vicende ormai non più sopportabili della crisi agricola italiana, ormai strutturale, porta a fare un parallelismo con la politica nazionale. Sembra assistere a “quelle maggioranze a geometria variabile” che mentre in politica ed in democrazia potrebbero decretare la loro morte, in agricoltura…, in maniera ovattata, la stanno decretando.

Agricoltura affossata grazie a rappresentanti italiani che a Bruxelles non riescono a far sentire la loro voce (afasia italiana?) o perché "nazione suddita" verso la Germania e la stessa UE.

Chi dice una cosa e ne fa un’altra; chi, addirittura nasconde o non si interessa ( vedasi l’accordo vergognoso del Brexit, anticipatore del dannoso Ttip); chi, peggio, si sottomette alla sudditanza passiva delle lobby europee ed, insieme, degli USA.

A proposito del Ttip (Trattato transatlantico sulla liberalizzazione del commercio e delle garanzie per investimenti), è successo pochi giorni addietro che alcuni parlamentari tedeschi , tra i quali la battagliera Katia Lipping, sono stati capaci di entrare nella sala di lettura, il Liseraum, dedicato al Ttip per leggere le circa trecento pagine del documento. Non risulta che i loro colleghi italiani abbiano fatto altrettanto. Chiedere ad un qualsiasi parlamentare italiano cosa ne sa in merito è top secret. In Italia si parla e discute d'altro. Eppure a Bruxelles, a porte chiuse, pochi giorni fa si è svolto il dodicesimo incontro. Chi i partecipanti? Cosa si è detto? Perché non c'è trasparenza? Eppure è interessata anche l'Agricoltura italiana!

Se in Italia si è deficitari nel settore agricolo (carne bovina, suina, ovina; latte, grano duro e tenero, mais, ecc.), facile è intuire il motivo: gli altri cercano di vendere il più possibile e al medesimo tempo cercano di non comperare.

E questo, grazie anche alle politiche oscurantiste del nostro Paese che negli anni sono riuscite a distruggere quello che di buono c’era.

Questa è la cocente verità. Non si produce più, non si fa reddito ma, intanto, aumentano le tasse e le imposizioni burocratiche che per il mondo agricolo, visto lo stato in cui versa, non sono per nulla sopportabili. La Grecia, nonostante se ne parli poco del dramma che vivono lì gli agricoltori e non solo loro (..tanto in Italia si parla di altro o seguiamo il festival di San Remo) ….ci è paurosamente vicina, non solo geograficamente.

Per caso è un modo tutto italico, imposto, per far chiudere le imprese agricole di medie dimensioni ( le piccole hanno già chiuso)? O, si dovranno prendere a modello le estese aziende monocolturali canadesi, americane o argentine, depauperando così il nostro territorio ricco di biodiversità e di prodotti tipici?

Dall'inizio della crisi sono state chiuse in Italia circa 190.000 aziende agricole ad un ritmo di oltre 60 al giorno.

Negli ultimi 15 anni sono stati estirpati oltre 140.000 ettari di piante di peschi, susini, peri, albicocchi, aranci, etc.

Visto che pur avendo il nostro Paese un passato agricolo da ricordare per un futuro da ricostruire sicuramente incerto per come si è messi con la Cina, l’India, ecc. , alcune delle "nazioni acchiappatutto", si chiede: Bisogna andar via dall’Italia o perire? Si è consci di quanto sta avvenendo, e questo da svariati anni? L’Italia è diventata terra di conquista, di land grabbing, visto che ad es., una delle tante imprese nazionali, la Norcineria Fiorucci, azienda produttrice leader di salumi, inclusi il Prosciutto San Daniele del Friuli I.G.P., il Prosciutto di Parma D.O.P., la Mortadella Bologna I.G.P., è, oggi, sotto il controllo di uno dei giganti del settore alimentare mondiale, la multinazionale cinese WH Group ?

La leadership, precedente ed attuale, dell’Italia non ha mai riconosciuto che l’apertura indiscriminata dei prodotti a basso costo avrebbe potuto distruggere industrie una volta leader del settore? Che ha firmato i trattati sull’euro promettendo ai partner europei quelle riforme mai concretizzate, ma, di contro, si è impegnata in politiche di lacrime e sangue?

Per caso si sta anticipando un nuovo marchio nazionale: "Era made in Italy"?

Sono queste le domande che si pongono ai senatori ed onorevoli molisani e nazionali. Si vogliono risposte chiare.

Il nuovo PSR come funzionerà per quanto su detto? Parlare di altro è sicuramente meno importante. E’ da qui che bisogna partire, visto che si stanno accavallando regole, inimmaginabili prima, che segneranno per i prossimi anni il settore agricolo nazionale.

Si conclude con una frase, adattata, di Tito Livio (“Mentre Roma discute, Sagunto brucia”).

Mentre a Bruxelles (matrigna), a Roma (poco attenta e forse complice), ed a Campobasso (in attesa…di cambiamenti epocali) si discute, l’Agricoltura italiana, nonostante le invocazioni di aiuto, sta morendo proprio grazie alla assoluta mancanza di norme che regolano le strategie del mercato mondiale.... senza che nessuno faccia qualcosa.  

FUORI PORTA WEB © 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.


Segui FUORI PORTA WEB sui social

      


Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare l'e-mail all'indirizzo

fpw@guglionesi.com






FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com