Condividi   MOLISE ADRIATICO

3/4/2010
Guglionesi
"Club delle Liberta" Guglionesi
Politica
596

Club delle Libertà: "81 pali eolici a Guglionesi. Lo sapevi?"

Anche il territorio del nostro comune, nell’ottica degli accordi di Kyoto e di Johannesburg per il perseguimento dello sviluppo sostenibile e la riduzione dell’effetto serra, sarà interessato ad accogliere impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (eolico e fotovoltaico). Tali insediamenti essendo fortemente incentivati attirano interessi e imprese. La situazione che si sta concretizzando nel territorio di Guglionesi è fortemente lesiva per la nostra comunità poiché si traduce in un gravissimo danno ai valori paesaggistici e naturalistici del nostro territorio. E’ infatti prevista la realizzazione di almeno 7 parchi eolici (progetti presentati da 7 diverse società per un totale di 81 pali di altezza tra gli 80 e i 120 metri ).
Le imprese seguendo pure logiche di mercato non si curano degli effetti di un insediamento di tipo selvaggio che ricadono sulle comunità locali. Avremo quindi n. 8 pali sul crinale direttrice Nord -Est di C.da Monte Antico; n. 21 pali sul crinale direttrice nord di C.da Imporchia – Vallone Cupo; 33 pali sul crinale direttrice Nord - Ovest di C.da Guardata; 11 pali direttrice Ovest c.da Macchie Montecilfone e i restanti pali nella direttrice sud Cda. Gessaro - M. Bianco.
Si configura quindi una presenza a ventaglio di una foresta di pali destinata a deturpare il valore paesaggistico e naturalistico non solo del nostro comune, ma dell’intero basso Molise.

IMMAGINA COME DIVENTERA’ IL NOSTRO TERRITORIO. QUALCUNO TE NE HA PARLATO?
Non siamo contrari all’energia da fonti rinnovabili, anzi siamo certi che da tale tipo di energia non si può prescindere se si vogliono garantire gli ecosistemi per le generazioni future. Ma è evidente che insediamenti così impattanti - quali quelli prospettati per il territorio di Guglionesi - possono essere unicamente ascritti ad un malinteso senso dello sviluppo sostenibile. Tali tipologie di insediamento selvaggio seguono unicamente leve di arricchimento personale traducibili nei fatti in un impoverimento del territorio e delle comunità locali.
La “foresta eolica” oltre a deturpare per un angolo di circa 300 gradi il territorio attorno al centro abitato (lasciando libera solo la parte verso la zona industriale e monte capraro) assesta una ferita mortale allo sviluppo turistico delle comunità del basso Molise. Anche l’agricoltura ne risulterà colpita mortalmente. L’uso dei terreni utilizzati per l’insediamento attraverso l’elargizione di affitti appetibili rappresentano un illusorio passo risolutivo della crisi agricola che attanaglia il settore solo per gli agricoltori proprietari dei fondi dove verranno innalzati i pali. I terreni e i casolari immediatamente e mediamente vicini subiranno un grave deprezzamento e deterioramento ambientale. La fitta rete degli operatori agricoli e agrituristici che faticosamente cercano di risorgere, attraverso la catena corta e le coltivazioni biologiche, riceveranno con l’eolico selvaggio danni ingenti per le loro attività.

PER TUTTO QUESTO IL COMUNE HA RICEVUTO 200.000€. SAI COME SONO STATI SPESI?
Il bilancio comunale 2009 ha destinato i proventi ricevuti ( € 200.000 ) dalla firma della convenzione con la KRENERGY srl, a spesa corrente e ad un parziale rifacimento dei vialetti di Castellara, e soltanto circa 6000 euro per la sezione Primavera.
NOI AVREMMO:
1. Informato i cittadini, perché essere informati su tematiche così impattanti per il territorio è un sacrosanto diritto di tutti;
2. Coinvolto la comunità nelle iniziative da prendere per salvaguardare il territorio e per prendere decisioni su modi, luoghi ed entità delle localizzazioni. Riteniamo che su questo specifico problema chi governa le istituzioni locali ha il dovere di farsi parte dirigente per la difesa del territorio;
3. Privilegiato il fotovoltaico meno impattante per il territorio;
4. Destinato gli introiti del ristoro ambientale per la realizzazione di un’importante opera di pubblica utilità o redistributi a tutta la comunità in servizi o sgravi fiscali.

moliseadriatico.jpg


www.ilmolise.net

ma@ilmolise.net

Molise Adriatico © Tutti i diritti riservati



CULTURA, ARTE E TURISMO

PROGETTO DI COMUNICAZIONE. GRAFICA E WEB
© 2000 LUIGI SORELLA
TRA I PRIMI BLOGGER NEL MOLISE