Condividi   MOLISE ADRIATICO

6/2/2021
Guglionesi
Luigi Sorella
Cultura
163

LA CAMPANA DEL CINQUECENTO DI GUGLIONESI, LA "VOCE" DEL PADRE CONCILIARE

Datata al 1588, è la più antica campana in bronzo di Guglionesi (Molise) e dell'ex Diocesi di Termoli. Batte il quarto di ora, ogni giorno, da più di qualche secolo, sopra la cuspide del timpano nella facciata della collegiata di Santa Maria Maggiore in Guglionesi, per l’orologio alla francese della chiesa madre.
La rarissima campana cinquecentesca di Guglionesi nel 1588 fu commissionata dal Padre conciliare mons. Cesare Ferrante (o Ferranzio) da Sessa Aurunca, elevato alla cattedra episcopale di Termoli a seguito del suo carisma spirituale e del contributo culturale nell’ultima sessione del Concilio di Trento.

Il 27 dicembre del 1561 il giovane vicario della Diocesi di Sessa Aurunca – inviato al Concilio dal suo vescovo mons. Galeazzo Florimonte, Segretario dei Brevi apostolici nel pontificato di Giulio III – tenne, al cospetto dell’ascolto dei padri conciliari, un’orazione dedicata a San Giovanni Apostolo ed Evangelista, nel giorno della ricorrenza liturgica. San Giovanni – è bene sempre ricordarlo – fu l’apostolo prediletto di Gesù Cristo. In pieno spirito di Controriforma della Santa Romana Chiesa, l’attività conciliare di Ferrante fu svolta nelle sessioni dedicate all’Eucaristia, della quale ancora oggi la Chiesa cattolica preserva il senso spirituale della carità nel rendimento di grazie.

Come il predecessore mons. Marcello Dentice (1565-1569), Cesare Ferrante scelse Guglionesi come sede operativa dell’episcopato cinquecentesco di Termoli [cfr. “L’episcopato di Termoli nel Cinquecento” di Luigi Sorella, Palladino Editore, 2017, pubblicato con il contributo della CEI], dove operò con una moltitudine di testimonianze ancora oggi integre nel patrimonio storico-culturale del centro molisano, tra le quali: la splendida pala d’altare del 1572, l’Assunzione della Vergine Maria (opera d’arte nell’ambito della bottega di Marco Pino da Siena), e dove, nella scena sacra, si riflette anche la probabile immagine del vescovo nell’elevazione episcopale, avvenuta il 1° di aprile del 1569 per volontà di San Pio V, come riportava l’epitaffio, ormai scomparso, della sepoltura presso la collegiata di Guglionesi; gli affreschi michelangioleschi a tema biblico, datati al 1587, nella cripta di Santa Maria Maggiore e nella cappella cinquecentesca dedicata al Santo Patrono di Guglionesi, l’abate benedettino di nome Adamo; il “Seminario urbano” di Guglionesi, attivo dalla fine del XVI secolo fino alla metà circa del XIX secolo, tra i primissimi “seminari urbani” della Chiesa a seguito delle disposizioni del Concilio di Trento nella formazione del clero secolare.

Il vescovo Cesare Ferrante fu “Familiare di Sua Santità” alla Corte pontificia di San Pio V, nonché tutore ed educatore nella formazione culturale dei nipoti del pontefice Pio IV.

Quella campana così preziosa, che oltre la data riporta il nome del Vescovo di Termoli e il suo blasone episcopale, lì in alto, ogni 15 minuti, come un messaggio divulgato da cinque secoli richiama l’imponente “voce” del Padre conciliare Cesare Ferrante (o Ferranzio), nelle parole più esemplari donate alla Controriforma della Santa Romana Chiesa: “corrette la gloria e la bellezza della Chiesa, si recuperi la dignità ormai perduta del sacerdozio, il migliore, il più ricco e delizioso frutto della vigna di Cristo”.

[Luigi Sorella, a memoria della scoperta culturale avvenuta in data 28 ottobre 2020, in occasione di uno studio in corso per la catalogazione patrimoniale delle campane della Parrocchia di Santa Maria Maggiore di Guglionesi]

Foto di Luigi Sorella

FUORI PORTA WEB CAMPANA DEL CINCQUECENTO GUGLIONESI CESARE FERRANTE LUIGI SORELLA.jpg


www.ilmolise.net

ma@ilmolise.net

Molise Adriatico © Tutti i diritti riservati



CULTURA, ARTE E TURISMO

PROGETTO DI COMUNICAZIONE. GRAFICA E WEB
© 2000 LUIGI SORELLA
TRA I PRIMI BLOGGER NEL MOLISE