8/3/2011
Guglionesi
Luigi Sorella
Cultura
929

Donna, arte e fede

Gli affreschi nella cripta della chiesa di Santa Maria Maggiore di Guglionesi risalgono al tardo Cinquecento e rappresentano scene ed episodi del “Vecchio Testamento”. Nella cappella dedicata al santo Patrono di Guglionesi, Sant’Adamo abate benedettino, sull’ampia volta a crociera nel 1587 un pittore manierista – probabilmente di scuola romana - affresca varie scene della Genesi.

Il ciclo pittorico della Genesi si apre con la “Creazione di Eva”, in un manierismo michelangiolesco – in riferimento alla cappella sistina in Roma, Michelangelo Buonarroti dipinse la scena intorno al 1511 –, cioè con la nascita del genere femminile da una costola del primo uomo creato, Adamo.
La composizione della scena pittorica della cappella di Sant’Adamo a Guglionesi riproduce – perciò si riporta nella storia dell’arte la definizione di “Manierismo”, cioè “alla maniera di…” un grande artista – le stesse posizioni delle figure (da sinistra, Adamo, Eva e Dio Padre Creatore) nella “cappella sistina” in Roma. A Guglionesi suggestiva l’interpretazione del sole all’orizzonte, evidente allusione agli albori della vita.

Guglionesi, dunque, vanta una delle rare immagini affrescate della storia dell’arte molisana che rimanda alla “creazione” della donna nella visione biblica, probabilmente unica nell’esplosione manieristica del Cinquecento che investe culturalmente anche il Molise.
Non solo. Nella storia dell’arte molisana Guglionesi offre un ricco itinerario artistico nell’immagine “sacra” della donna tra il XIV e il XVIII secolo, con riferimento alla donna in quanto “madonna” (titolo d'onore che anticamente si dava alle donne), cioè di Colei che è pronta ad accogliere la vita: “Eccomi sono la serva del Signore!”. Così, oltre alla “Creazione di Eva”, possiamo ammirare, in un viaggio tra i monumenti del borgo antico di Guglionesi, varie opere d’arte di una concreta valenza culturale: la Donna bambina (“Sant’Anna e Maria”, olio su tavola, autore ignoto [riferimenti alla bottega di Paolo Gamba], metà XVIII secolo, chiesa di Santa Maria delle Grazie); la Donna senza peccato (“Immacolata Concezione”, scultura in legno policromo, Domenico Antonio Lupo, 1734, chiesa di Sant’Antonio di Padova); la Donna serva del Signore (“Annunciazione”, olio su tela, autore ignoto, XVIII secolo, chiesa collegiata di Santa Maria Maggiore); la Donna madre di Dio (“Madonna con Bambino”, scultura in legno policromo, autore ignoto, XIV-XV secolo, chiesa collegiata di Santa Maria Maggiore); la Donna delle grazie (“Madonna con bambino tra i santi Sebastiano e Rocco", trittico dipinto su tavola, Michele Greco da Valona, 1505, chiesa collegiata di Santa Maria Maggiore); la Donna addolorata (“Addolorata”, olio su tela, Francesco Antonio Borzillo, 1706-1708, chiesa di San Nicola di Bari); la Donna dormiente (“Assunzione”, olio su tavola, bottega di Marco Pino da Siena, 1572, chiesa collegiata di Santa Maria Maggiore).

La "Creazione di Eva", cappella di Sant'Adamo in Guglionesi (1587, autore ignoto)

La "Creazione di Eva", cappella sistina in Roma (1511, Michelangelo Buonarroti)

moliseadriatico.jpg


www.ilmolise.net

ma@ilmolise.net

Molise Adriatico © Tutti i diritti riservati



CULTURA, ARTE E TURISMO

PROGETTO DI COMUNICAZIONE. GRAFICA E WEB
© 2000 LUIGI SORELLA
TRA I PRIMI BLOGGER NEL MOLISE