BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
Tra i primi blog fondati in Italia
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.
Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia. Le sue divulgazioni digitali a carattere culturale, nonché editoriali, hanno superato 2.500.000 di visualizzazioni/letture, riprese e citate in varie pubblicazioni internazionali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


Condividi l'articolo:
 
© FUORI PORTA WEB

Cultura

L’agricoltura ritorni ad essere una componente forte dello sviluppo






Guglionesi, 12/11/2018     656


Mi piace ricordare quanto detto da Giulia Maria Mozzoni Crespi, ambientalista (Repubblica del 20 febbraio 2015) << Tutto è collegato. Una sana agricoltura fa bene alla salute. Una buona agricoltura tutela il paesaggio. Un paesaggio tutelato attira il turismo. Il turismo di qualità incentiva l’artigianato e crea nuova occupazione. Questo è il messaggio fondamentale per il nostro futuro e per il futuro dei nostri giovani >>. Per non parlare dei danni apportati al territorio agrario dai campi fotovoltaici realizzati senza regole e a discapito dell’agricoltura e al paesaggio. Insomma, un’agricoltura più sana aiuta a difendere il clima.

Il ministro Martina: “Un miliardo e mezzo di euro per consolidare la nostra leadership nel biologico”- Michaei Pollan nel suo saggio sui giardini (pubblicato da Adelphi) lo scrive a proposito degli orti ma vale per tutta l’agricoltura – Negli ultimi anni però le tecniche agricole hanno allentato il loro legame con la natura – L’eccesso di chimica e il sovra-struttamento hanno indebolito i terreni rendendoli meno capaci di resistere a difficoltà che vanno dalle malattie derivanti dal cambiamento climatico. Insomma è giunto il tempo che l’agricoltura ritorni ad essere considerata come una componente forte dello sviluppo del territorio.

In un mio precedente articolo segnalavo il comportamento virtuoso della cittadina in provincia di Milano (Cassinetta di Lugagnano). Il primo cittadino, Daniela Accinasio, ha dichiarato quanto segue: << Siamo un paese agricolo, abbiamo una identità culturale e architettonica importante, che senso ha costruire se non ne hai la necessità, mettendo a rischio geologicamente il territorio ? Le aziende agricole della nostra zona non sono state costrette a cedere i terreni alla speculazione, si sono riconvertite al biologico, così oggi hanno dimensioni che consentono loro di mantenere competitività>>.

Il compianto prof. Giovanni Sartori, politologo per professione e ambientalista per convinzione ha dichiarato (vedasi Corriere della Sera): Il livello della nostra disoccupazione giovanile è davvero intollerabile. Da noi vige ancora la corsa per fabbricare “tutti dottori”. Ma il grosso dei dottori che produciamo e che andremo a produrre saranno inutili. Alle nuove generazioni occorrono istituti tecnici e scuole di specializzazione collegati alla “economia verde”, al ritorno alla terra, e anche alla piccola economia delle piccole cose. Altrimenti saremo sempre più disoccupati”.

Tutto c’ò evidenziato occorre altresi’tener presente il tema dei migranti occupati in agricoltura che è salito prepotentemente alla ribalta. Al riguardo è stato osservato che il lavoro degli immigrati mantiene vive le nostre campagne. Infatti, una ricerca presentata recentemente, condotta da Laura Fossati, antropologa, e Michele Nori, agronomo dell’istituto Universitario Europeo di Firenze – contiene numeri impressionanti, se è vero che il 70 per cento dei pastori ufficialmente salariati in Piemonte arriva dall’estero ed è in maggioranza romeno e albanese. Giustamente è stato osservato che il lavoro degli immigrati mantiene le nostre campagne. Fossati e Nori ci ricordano come i migranti di oggi siano ampiamente assimilabili – per ruolo e incidenza – a quelli che nel dopoguerra salvarono la nostra agricoltura. I contadini di oggi arrivano dall’Europa piu’ debole, dall’Africa e dal subcontinente indiano. Insomma, i migranti sono perfetti per ripopolare le campagne abbandonate : hanno un bisogno disperato di lavorare, non hanno nulla da perdere, si accontentano di poco, a volte quasi niente, come i pastori migranti che si mangiano la vita in Calabria per cinquecento euro al mese. Ha detto, al riguardo, Carlo Petrini, che di cibo e di agricoltura se ne intende: “mi piacerebbe che un giorno, con calma e raziocinio, potessimo essere tutti più fraternamente uniti su questi temi, indipendentemente dalla pelle, dalla religione, dalla politica, e proprio a partire dal cibo”. (così Antonio Salvati, notizie italiane. I migranti per ripopolare le nostre campagne abbandonate).



FUORI PORTA WEB © 2000-2022
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail:
fpw@guglionesi.com