BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
Tra i primi blog fondati in Italia
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.
Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia. Le sue divulgazioni digitali a carattere culturale, nonché editoriali, hanno superato 2.500.000 di visualizzazioni/letture, riprese e citate in varie pubblicazioni internazionali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


Condividi l'articolo:
 
© FUORI PORTA WEB

Cultura

Rare specie arboree, tra il Ginko biloba e la Guglia di Guglionesi






Guglionesi, 21/8/2008     1684


Con gioia (per Guglionesi) e con stupore (per i guglionesani, o meglio per i guglione-sani) nel pomeriggio di ieri ho letto una straordinaria notizia nel web (Primonumero):

"20/08/08 - RITROVATI NELLA VILLA COMUNALE 2 ALBERI UNICI IN MOLISE - Guglionesi. Un insolito ritrovamento nella villa comunale: sono stati rinvenuti due esemplari di essenza arborea rara in Italia e unica nel Molise. Il Presidente dell’Ordine degli Agronomi e dei Forestali della Provincia di Campobasso, dottor Michele Paduano, illustrerà, anche domani 21 agosto a partire dalle 11 con visita ed ispezione guidata, l’importanza della salvaguardia di tale specie, significativa dal punto di vista botanico, ecologico ed economico."

Direi un ritrovamento strepitoso! In quel parco di Castellara, che da qualche notte a questa parte si illumina di luci a passo d’uomo, anzi “anti-spasso” d’uomo, a tratti accecante (è ancora un cantiere e mancano i regolatori di intensità, dicono i bene informati).
Certamente cosa “buona e giusta” illuminare la nostra artistica architettura (magari non proprio con luce bianca come “obbligherebbe”, forse, il Ministero per i beni culturali!) restando più attenti a dirigere un progetto culturale (leggi il pannello dei lavori a Castellara) quando si scrive la “Cattedrale” di Guglionesi. Le cattedrali hanno precise caratteristiche, a partire dalla presenza di un Vescovo, dunque la cattedra del Vescovo, quindi “cattedrale”. Mistero della storia culturale di Guglionesi! Non è stata colpa nostra dicevano quelli di prima, non è colpa nostra dicono quelli di adesso, non sarà colpa nostra diranno quelli di dopo! Intanto lo stemma municipale rimane con le tre spighe di grano, anziché con le tre guglie (Thipha latifoglia). Altra pianta assai rara… sugli ultimi stemmi comunali! Mistero della municipalità! Non ci ricordiamo più neanche come è fatto il nostro emblema comunale, pur conservandone una memoria descrittiva nello statuto municipale! Non è stata colpa nostra dicevano quelli di prima, non è colpa nostra dicono quelli di adesso, non sarà colpa nostra diranno quelli di dopo!
Tuttavia, passando a cose serie... della serie “Scommettiamo che?”, viene il sospetto che i celeberrimi “2 alberi unici in Molise”, che mi incuriosiscono da un po’, anzi da tanto (da circa una decina d’anni), molto prima dello scoop del botanico presidente annunciato nel web: che si tratti della specie Ginko biloba?
Alberi rari nel Molise… si disse già qualche anno fa (rarità oltretutto non illuminate dal progetto culturale di illuminazione monumentale del parco, per intenderci quella che riporta la ormai nota “cattedrale”). Insieme ad amici comuni, curiosi di tale presenza, si fece un’indagine tra botanici, biologi, docenti di Scienze naturali e vivaisti per verificare anche le modalità di arrivo a Guglionesi dei due alberi. Non furono nè Cristoforo Colombo né Magellano a portarceli in questa recondita terra di scoperte, né tantomeno Marco Polo. Pare che Dante Alighieri non abbia scritto alcun verso in merito. Dilemma semplice a risolversi?
Circa una ventina di anni fa, anno più anno meno, dall’Amministrazione municipale dell’epoca furono acquistati alcuni alberi per il giardino pubblico di Castellara, in un vivaio di Pantano basso (Termoli), il quale invece di fornire le solite acacie (…quante acacie abbiamo trovato in acquisto sui documenti dell’Archivio storico comunale!), per una pura discrezionalità del vivaista, furono fornite anche due esemplari di Ginko biloba. A proposito di rarità, anche nel giardino di casa mia c’è una “rara essenza arborea” di Ginko biloba, come in molti altri giardini del Molise, proprio perché molti vivai della nostra zona commerciano con una certa frequenza, da tantissimi anni, questa pianta di origine orientale.
E così oggi riscopro “l’importanza della salvaguardia di tale specie, significativa dal punto di vista botanico, ecologico ed economico.”
Mistero della botanica, dell’ecologia e dell’economia!



FUORI PORTA WEB © 2000-2022
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail:
fpw@guglionesi.com