BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
Tra i primi blog fondati in Italia
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.
Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia. Le sue divulgazioni digitali a carattere culturale, nonché editoriali, hanno superato 2.500.000 di visualizzazioni/letture, riprese e citate in varie pubblicazioni internazionali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


Condividi l'articolo:
 
© FUORI PORTA WEB

Poesia

"LA MORTE CANE" E "LA PRIMAVERA GUGLIONESANA" DI VINCENZO LORITO






Guglionesi, 14/4/2021     646


Ad alcuni mesi dalla scomparsa del nostro compaesano Vincenzo Lorito causata da questa pandemia vorrei ricordare la sua memoria con queste sue due poesie significative : una legata alla morte impietosa " La morte cane" che in questi tempi ha falciato migliaia di vittime e l' altra" La primavera guglionesana" che vuole portare un messaggio di speranza e di rinascita a nuova vita. All' amarezza della morte che non risparmia nessuno segue la speranza della rinascita e come in tutte le sue poesie è sempre presente il grande amore per la sua amata Guglionesi accresciuto dalla distanza dell' esule che disperato ne sente la struggente mancanza. ché" Ti vedo come una stella lucente/a me ci vuole solo chi mi consola / e quello che manca a te è solo la parola".

A morta cane
A morta cane nde cerche ma pane/ ma qualle che voie è l' anema teie/ Saupre a spalle le porte/ nu faveciaune arretate/ qualle ghe' u sembele ch ' u Segnaure j' ha date./ Porte na lescte sa a veje ando vaie/ no pe na gioie ma te porte nu guaie./ Teu velesse scappaie e te mette a penzaie/ ch' a sctreppille de grane le velesse pagaie/ . Ma a morta cane n' accorde a niende/ ca ze t' ada perta' te' saule a na mende./ U recche je dece: " Te vuje pagaie"/ A morta cane: " No , niende da faie"./ Chi te' i reccazze z' arebbelle a da morte/ ma cu faveciaune le veusse a na porte./ Je dece : " Speccete ch' ema parteie. / Aghecche teu ndi' niende da faie"/ U povere peure a pagheure le teie/ ma a morte je dece" Pagheure ne tenaie"/ U faveciaune a nu pezze a morte ha lassate/ e adu peverelle c' a calme ha parlate/ " Se teu i mene e facce t' arellive/ gheie pe tta n' zonghe a morte ma nu sellive"/ Chi asseie ce soffre n ' ha pagueure da morte/ Le chieme e je dece oh! che ze le porte/ Ma a morta cane sa qualle che faie/ se ne ve' l' aure n' ge ve' manghe a passaie/.Ma quande è timbe ch' u bejatte è pagate/ a morte scta aghelle, , già t' ha mbarcate.

La morte cane
La morte cane non ti cerca mai pane/ ma quello che vuole è l' anima tua/ Sulle spalle porta un falcione tagliente/ quello è il simbolo che il Signore le ha dato/. Porta una lista sa la strada da prendere/ non per la gioia ma per un grosso guaio/ Tu vorresti fuggire e ti metti a pensare/ che a stoppegli di grano la vorresti pagare/ Ma la morte cane non si accorda a niente/ che ti deve solo portare via ha in mente./ Il ricco le dice: " Ti voglio pagare" / La morte cane: " No niente da fare"./ Chi ha le ricchezze si ribella alla morte/ ma col falcione lo spinge alla porta./ Gli dice: " Sbrigati, che dobbiamo partire/ Qui tu non hai niente da fare"/ Il povero ha paura anche lui/ ma la morte gli dice : " Non avere paura"./ Il falcione in un posto la morte ha lasciato/ e al poverello con calma ha parlato:/" Se tu mani e faccia ti lavi/ per te non sono la morte ma un sollievo/. Chi assai soffre non ha paura della morte./ La chiama e le dice:Oh! che se lo porti"./ Ma la morte cane sa quello che fa/ se non arriva l'ora non viene a passar./ Ma quando è tempo che il biglietto è pagato/ la morte sta li , già ti ha imbarcato./

A primavere guejenesciane
Come na ceme de galle/ te vade suspase all' arie/ u saule che t' arescalle/ scta primavere come maie/ . Areverdecajene i prate/ c ' u ddaure da grambalupene/ e se te sinde ammalate/ t' aresine che l' aria fene./ U saule de na primavere/ che n' ha cagnete u volte/ è sembre coma iere/ e prepare i chjeure pe da i freutte./ Che quellu vendecciole/ chjechjete da u mase d ' aprele/affacciave a cueccetelle u vermecciole/ d' acque z' arenghievene i varele/ na neuvele a nu cile/ vessete da quella brazze/ careche de cande de cille/ d' amaure , de gioie e cuendendazze./ I maiese arecupirte/ u grane che già fa l' aunne/ a tutte i cuentadene matte all' erte/ ze preparene i casseune e l' are ze maunne/ . L' arie da primavere/ te sfiaure i tette e fenesctre / notte matene e sare/ annasanne u ddaure de maje e di jenesctre/ A ta te vade gne' na sctalle lecende/ a ma ce vo saule chi me cuenzole/ e qualle che manghe a ta è saule a parole. /

La primavera guglionesana
Come una cima di gallo/ ti vedo sospesa nell' aria/ il sole che ti riscalda/ questa primavera coi non mai. / Verdeggiano i prati / con l' odore della sulla/ e se ti senti ammalato/ ti risani con l' aria fine./ Il sole di una primavera / che non ha cambiato il volto/ è sempre come era/ e prepara i fiori per dare i frutti. / Con quel venticello/soffiato dal mese di aprile/ affacciava la testolina il vermicciolo / di acqua si riempivano i barili/ . Una nuvola in cielo/ bussata da quella brezza/ carica di canti di uccelli/ di amore di gioia e contentezza./ Le maggesi ricoperte/ il grano che già fa l' onda/ a tutti i contadini mette all'erta/ si preparano i cassoni e l' aia si spazza/ . L ' aria di primavera/ sfiora tetti e finestre/ notte mattina e sera/ annusando l' odore di maggio/ e delle ginestre/ Ti vedo come una stella lucente/ a me ci vuole solo chi mi consola/ e quello che manca a te è solo la parola./

Traduzione Adele Terzano



FUORI PORTA WEB © 2000-2022
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail:
fpw@guglionesi.com