BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
Tra i primi blog fondati in Italia
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.
Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia. Le sue divulgazioni digitali a carattere culturale, nonché editoriali, hanno superato 2.500.000 di visualizzazioni/letture, riprese e citate in varie pubblicazioni internazionali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


Condividi l'articolo:
 
© FUORI PORTA WEB

Poesia

La fiera del 2 agosto (di Giuseppe De Socio)






Guglionesi, 2/8/2021     635


In ricordo del nostro amato concittadino Giuseppe De Socio

A fireie di deu d' agheuscte
Quand' ere u iurne di deu d' agheuscte/ a mezze a nu sacche de trambeuscte/ ce pertavene in gere p'u paiase/ a mezze a fireie a fa i spase/ p' accatta' da u frasctire/ qualle che serveve pe n' anne ndire/ becchire,peiette, teielle/ u treppide ca fernacelle/ betteje, caunghe, callare/ ze faciavene nu sacche d' affare/p' arennuva' a rrobba rautte/comprese u vase da notte./ Pe nu guajaune na macheneucce/nu sctreummele, nu cavalleucce/ na pesctole, nu cefelarelle/ na cuellane de casctagne e de necelle/. Ma pe ogni cose che z' aveva accatta' ze deciavene nu sacche de scemeta' /: " Ne Signo' sinde a ma/ze po ' sapa' quascte quanda ve'?/ E accumenzene i patteggiamende/ daje su accuendindeme , fa u bbone/ fa pe na vote u sciampagnaune". / " Naune te ggieure ca ci' arematte mettece assaupre n' atra cuesatte./ Ma pruprie pe neiende/ da scta racchie nen ge sende/ teu eda fa coma t' aje dette/ damme rette e sctatte zette/ mane sbreghete decedete, daje/ sennau te ggieure ca me ne vaje"./ E doppe na serie de sceneggiate/ fende de ierezene / e de rechiamate/ finalmende doppe nu molle e tere/ ze faciave l' accorde cu frasctire/ . Ma u cchiu' belle memende/ iere qualle du pagamende/ i fammene ze gerevene tutte abbreguegneuse/ pe ne matte in mausctre cirte cose/ e de nascoscte ze fecchevene na mene mbette/ e cacciavene nu fazzelatte/ ando tenavene ben sesctemate/ i solde che z' erene pertate/ e ogni vote che z' accattave caccose/ z' arepetave u rete senza pose/ ere nu cuendenue cacce e matte/ u fazzelatte du reggipette. / Doppe nzimbre i parinde e i cummare/ ce pertavene tutte quinde a Casctellare/ pe z' arepesa' chi sctave sedete/ e pe musctra' qualle che ogneune ave' accattate./ " Hi vescte coma ci' eje sapeute fa? Ghe so' feurbe ne m' haje fatte freca' ./ " E su speccete ca ze fa tarde/ nde nganda' che su guarde e reguarde/ senno' vu sende' da maretete i talurne/ ca seme sctate dafore tutte du iurne"./ E mindre neu ch ' i chiegne e chi sctrelle/ velavame angaure l' itri pazzeiarille/ e aremediavame a gheune a gheune/ na bella careche de scuercieune/ u frasctire mindre scumbennave abangarelle/ arepetave u solete ritornelle/ che nu fele de vauce e tutte sedete/: " N grazia a De ' peure guje c' è sceute a iernate"

La fiera del 2 agosto
Quando era il giorno del 2 Agosto / in mezzo a un sacco di trambusto/ ci portavano in giro per il paese/ in mezzo alla fiera per fare le spese/ per comperare dal forestiero/ quello che serviva per un anno intero/ bicchieri, piatti, tegami / il treppiedi con la fornacella/ bottiglie , catini, caldaie/ si facevano un sacco di affari/ per rinnovare la roba rotta/ compreso il vaso da notte/. Per un bambino una macchinuccia , una trottola, un cavalluccio/ una pistola , uno zufoletto/ una collana di castagne e di nocelle./ Ma per ogni cosa che si doveva comprare/ si dicevano una serie di corbellerie/ " Embe' signore , senti a me/ si può sapere questo quanto costa? / E incominciavano i patteggiamenti/ " Dai , su , spicciati, senti/ accontentami ,fa il buono/ fai per una volta lo scialacquone." / " No te lo giuro che ci rimetto sicuro/ mettici su' un' altra cosetta"./ " Ma proprio per niente/ da questo orecchio non ci sento/.Tu devi fare come ti ho detto/ dammi retta e statti zitto/ su , sbrigati, deciditi , dai / altrimenti giuro che mi perderai" /E dopo una serie di sceneggiate/ finta di andarsene e di richiamate/ finalmente dopo un molle e tira/ si faceva l' accordo col forestiero/. Ma il più bel momento/ era quello del pagamento/ : le donne si giravano tutte vergognose/per non mettere in mostra certe cose/ e cacciavano un fazzoletto dal reggipetto/ dove tenevano ben sistemati/ i soldi che avevano portati/ e ogni volta che si comprava qualcosa/ si ripeteva il rito senza posa/ era un continuo caccia e metti / il fazzoletto dal reggipetto. / Dopo insieme ai parenti e alle comari/ ci portavano tutti quanti a Castellara/ per riposarsi chi stava sudato/ e per mostrare quello che ognuno aveva comprato./ " Hai visto come ci ho saputo fare? / Io sono furba non mi son fatta fregare./ " E su , sbrigati, che si fa tardi/ non ti incantare con quel guarda e riguardi/ sennò vuoi sentire da tuo marito il lamento/ che sei stata fuori tutto il giorno" / E mentre noi con i pianti e gli strilli / volevamo ancora altri giocattoli/ e rimediavamo uno a uno / una bella carica di scapaccioni/ il forestiero mentre scomponeva la bancarella/ ripeteva il solito ritornello / con un filo di voce e tutto sudato/ " Grazie a Dio anche oggi c ' è uscita la giornata" .

Tratto dal libro: Li fatta me di Giuseppe De Socio Cannarsa Editore Vasto
Traduzione dal pescarese in guglionesano e in italiano di Adele Terzano.



FUORI PORTA WEB © 2000-2022
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail:
fpw@guglionesi.com