BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
Tra i primi blog fondati in Italia
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.
Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia. Le sue divulgazioni digitali a carattere culturale, nonché editoriali, hanno superato 2.500.000 di visualizzazioni/letture, riprese e citate in varie pubblicazioni internazionali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


Condividi l'articolo:
 
© FUORI PORTA WEB

Poesia

Sirventese Cileno



"L’inizio della fine è lo spietato rancore".




Montréal, 29/11/2022     129


Sirventese Cileno
a Pablo Neruda

I
Neruda, con Lorca ed Hernandez,
intoni un canto di libertà
per i tuoi indomiti indios.
E' malinconia d’esilio
con il profondo Machado,
è rispetto per la vita
con l’ombroso Unamuno.

II
Il tuo ultimo sirventese,
con il piede yankee sul cuore,
è filo di voce, nota di piffero,
raggio di luce spenta
nei barrios di Santiago,
su libere cime e tra gole scoscese
delle Ande, tra le dune dell’Atacama
e nello stretto di Magellano.

III
Cibernetici tecnocrati
e fautori dell’avido guadagno
vendono la dignità dell’uomo
e si vantano d’ aver piantato
la bandiera sulla luna.
- Perdonate i vostri fratelli,
che hanno premuto il grilletto
e vi hanno tolto la benda
dagli occhi spalancati.
E’ povera gente
che aveva bisogno di pane -

V
Scava il rimorso in chi
a Mi Lai in Vietnam sparò
e dove bruciò la torcia umana
nella primavera di Praga ogni
giorno è deposta una corona di fiori.

V
E lontano nelle risaie
Il sorriso è tornato. Ara il vecchio
mutilato la terra con il bue,
sfoltisce le piante curva la donna,
riempie i crateri il vocio dei bimbi
e il giovane ricostruisce la casa.
Stanco la sera gode la pace
e fa l’amore dopo tanti anni
di lotta e di lutti.

VI
Boccioli romiti coprono le titanche,
regine di forre, scarpate e altipiani.
La pioggia del niño
di fiori il deserto coprirà.
L’inizio della fine
è lo spietato rancore.
Anche i boia hanno i giorni contati.

M. 5.11. 20 / 28.11. 22 copyright



FUORI PORTA WEB © 2000-2022
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail:
fpw@guglionesi.com