BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, fotografia digitale professionale, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.

Come operatore con esperienza professionale e qualificata per la progettazione e la gestione informatica su piattaforme digtiali è in possesso delle certificazioni European Informatics Passport.

Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia (circa 3.200.000 visualizzazioni/letture, cfr link).
Le divulgazioni del blog, a carattere culturale nonché editoriale, sono state riprese e citate da pubblicazioni internazionali.

Ha pubblicato libri di varia saggistica divulgativa, collaborando a numerose iniziative culturali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


1/2/2023 ● Cultura

Giornata Nazionale della Vita

“Nò, ad una cultura di morte dettata da ideologie e da interessi economici”.

  Vincenzo Di Sabato ● 426


“Nò, ad una cultura di morte dettata da ideologie e da interessi economici”. E’ questo il tema inquietante proposto dai Vescovi italiani per la 45^ Giornata Nazionale della Vita, fissata al 5 febbraio, prima domenica del mese. Nel sottotitolo, i presuli chiariscono che “la morte non è mai una soluzione”, come, in qualche modo lo riteneva già lo storico francese Pierre Chaunu secondo il quale <laddove c’è agonia di vita e denatalità, da quel momento e da quel luogo incomincia ad espandersi nel mondo l’epidemia della “peste bianca”>, così immaginata da lui nel 1976, per averla accostata alla “peste nera” del XIII secolo, che sterminò un terzo della popolazione europea. Il disamore a procreare, svuota infatti e massacra tutti i reparti della scienza medica riguardanti i processi rigenerativi dell’umanità.
Tale inquietudine, preoccupa anche l’Onu che definisce l’Italia “popolo etnico in via di estinzione”, giacché Il rapporto, tra nascite e decessi, è negativo fin dal 1990. L’Italia, insomma, è dimagrita in breve tempo di oltre 200 mila persone, corrispondente suppergiù a quel rimasuglio di esseri umani esistenti oggi nel Molise.
Mi riaffiora – menomale - nell’animo, l’inno alla creazione: il racconto biblico, cioè, sulla infinità delle origini della “Vita”. E di quel Dio che - dopo aver portato a compimento il cielo e la terra e tutte le loro schiere - creò l’uomo e la donna a sua immagine e somiglianza, e li benedisse e disse loro: “Siate fecondi, crescete e moltiplicatevi; sparpagliatevi sulla terra. E dominatela!” (Gen. 1, 28-29). “E quando Dio ritenne cosa buona e giusta tutto ciò che Egli aveva creato, venne sera e fu mattino”: il settimo giorno, quello della festa, consacrato al riposo ed alla contemplazione. E,… poi? E poi fu sera e fu mattino: per quest’altro “ottavo” nostro giorno di frustrazioni e di speranze, che si dilatano sull’uomo; sulle sue responsabilità, sulla sua vita e sul suo destino.
Attorno a questa agonia genitale, a questo dramma e su questi sogni di futuro, che s’allarga lo sguardo inquieto ma anche rasserenante dei Vescovi, attraverso il loro Messaggio: “Nò - ad una cultura di morte”. E ne catalogano motivazioni e contesti, esprimendo il loro pensiero press’a poco così: Quando una coppia non potrà mantenere un figlio indesiderato, o perché comporterebbe la loro libertà, bèh, lo sbocco potrebbe essere l’aborto. Quando non sopporta la malattia, o un essere umano rimane solo; quando perde ogni speranza e risulta inefficace anche la terapia terminale – ebbene - la via d’uscita può consistere nell’eutanasia. Allorché la relazione con il coniuge o con “il compagno” diventa complicata, l’esito è talvolta catastrofico: la violenza degenera con un inarrestabile ricorso al femminicidio, all’uxoricidio di chi, forse, amava fino a pochi attimi prima. E si travalica così ogni barriera e si dà sfogo alla collera perfino sui piccoli, nella intimità delle proprie mura domestiche.
Quando questa nostra esagitata esistenza risulta insostenibile – prosegue il documento della CEI – e il “poverocristo” di turno non scorge in lontananza neppure uno sprecapopololo per aiutarlo a perforare il muro della solitudine, allora egli stabilisce di tuffarsi nel profondo del suo estuario più tragico. Quando l’accoglienza di profughi, di naufraghi scappati e scampati da guerre, oppressioni, persecuzioni, miserie, e l’accoglienza umana si tramuta in “respingimento” e disumanità, ahimè, sopravviene allora l’atto inesorabile!
E’ giorno di festa quello della Vita e per la Vita! Il giorno autorevole per esortare a riflettere anche sulla “morte psicologica” quella interiore, quella – per esempio - delle “mamme in attesa”, mortificate e talvolta allontanate dal lavoro, essendo ritenute svantaggiose per l’economia dell’Impresa. E’ il giorno per volteggiare lievemente pure sulla dolorosa ed inarrestabile diaspora di nuove generazioni in abbandono nel mondo, in un esodo senza il ritorno “nella cara terra dei padri”.
Noi non siamo stati capaci di far fiorire qui i nostri giovani e la loro esuberanza. Non abbiamo capito l’implacabile grandezza della vita che, inesorabilmente, si sarebbe inceppata in assenza di coppie in età feconde. Le abbiamo sbaragliate delittuosamente. Non abbiamo pensato a ideare misure di sostegno permanenti capaci di bloccare l’emorragia della vita.
San Carlo Borromeo - assai amato e venerato in passato a Guardialfiera – morto a 48 anni, qualche giorno pria di spirare, sfinito dalle fatiche pastorali – così sussurrò al frate cappuccino che lo vegliava: “La candela per far luce agli altri, deve consumare se stessa". Dobbiamo consumare noi stessi per “dar vita alla Vita” e agli altri!
Pasquale Di Lena, politico e autentico cultore larinate, annotava così sul suo Web nel settembre scorso: “Siamo di fronte al destino della nostra terra madre, al destino della nostra specie; siamo di fronte al problema dei problemi!”.
Francesco D’Ovidio - appassionato umanista molisano, nel primo centenario della Provincia di Molise (1911), mentre s’aprivano tempi nuovi sul progresso quantitativo, umano e spirituale della sua e della nostra terra, così proclamò e così scrisse, come in un intenso inno creativo: ”O Giovani, amate questa vostra terra natale; amatela benché modesta; amatela perché modesta! Amatela per le sue glorie passate, per le benemerenze presenti; amatela per il suo sperato futuro di Vita”!

Cartellone




© FUORI PORTA WEB

FUORI PORTA WEB © BLOG DAL 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail: fpw@guglionesi.com