BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, fotografia digitale professionale, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.

Come operatore con esperienza professionale e qualificata per la progettazione e la gestione informatica su piattaforme digtiali è in possesso delle certificazioni European Informatics Passport.

Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia (circa 3.200.000 visualizzazioni/letture, cfr link).
Le divulgazioni del blog, a carattere culturale nonché editoriale, sono state riprese e citate da pubblicazioni internazionali.

Ha pubblicato libri di varia saggistica divulgativa, collaborando a numerose iniziative culturali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


16/5/2023 ● Politica

Un vero “cambio rotta”? Nel “futuro” evitare la logica della stampella

I guglionesani alle Comunali preferiscono il “cuore” di centrodestra, affondando, nelle ultime quattro convocazioni elettorali, la politica del "futuro".

  Redazione FPW ● 1121


Riflessione a breve, medio e lungo termine.

Nelle Amministrative 2023 per il Comune di Guglionesi, alla quarta presenza nelle elezioni (2008, 2013, 2018 e 2023), “Guglionesi nel cuore” si conferma come il raggruppamento civico con la maggiore continuità nella politica locale, avendo generato una classe dirigente che ha amministrato il paese tra il 2008 e il 2018, pur con non poche difficoltà nella stabilità interna e conseguentemente amministrativa del "Guglionesi nel cuore I (2008)" e "Guglionesi nel cuore II (2013)", compagine già riconfermata nei suoi due mandati elettorali consecutivi, battendo anche candidati con esperienza nel passato governativo, pur con la discontinuità nella primavera del 2013 allorché il Comune di Guglionesi fu commissariato per la decisione di alcuni consiglieri, dissidenti della maggioranza svanita, che, all'epoca del "33%", certificarono presso il notaio la decadenza del Consiglio comunale congiuntamente ai rappresentanti di minoranza provenienti dalle liste civiche "Costruire per Guglionesi" e "Continuità per il futuro" .

Già sconfitta nel 2018 (con il minimo gradimento elettorale tra le cinque liste in corsa), la compagine “Guglionesi nel cuore” di ispirazione centrodestra (cfr TG RAI 3 Molise del 19 aprile 2023) torna e vince nelle Amministrative 2023 con un capolista già candidato alla stessa carica di sindaco nella precedente tornata del 2018, il quale, in rappresentanza (capolista) della lista civica “Guglionesi per tutti” ha svolto l'impegno di mandato dai banchi della minoranza consiliare del Comune di Guglionesi. In passato, dall’elezione diretta del sindaco (1994), il terzo neoeletto sindaco di "Guglionesi nel cuore" ha partecipato all’Amministrazione comunale con le candidature consiliari nelle liste civiche "Impegno per Guglionesi" (2003) e "Costruire per Guglionesi" (2008).

Già militante in “Guglionesi nel cuore”, durante l’esecutivo di "Guglionesi nel cuore I (2008)" in qualità di assessore e di "Guglionesi nel cuore II (2013)" nel ruolo di vicesindaco – benché dimissionario prima della scadenza del secondo mandato, per divergenze con il proprio gruppo civico (cfr nota "lettera di dimissioni") –, il capolista dell'inedito raggruppamento “Guglionesi insieme” si è riproposto alle Amministrative 2023 in una "civica" di centrosinistra (cfr TG RAI 3 Molise del 19 aprile 2023) che vedeva anche alcuni consiglieri della maggioranza uscente (pur senza il sindaco uscente nell'elenco dei candidati e con lo scioglimento al suo primo mandato della lista civica “Guglionesi RiparTe”) convergere e confrontarsi sul programma elettorale, in una (in)certa (dis)continuità da presentare alla cittadinanza, mettendo cioè definitivamente alle spalle il proprio mandato in scadenza nella minoranza.

Infatti, come per “Guglionesi nel cuore”, anche il capolista scelto dal gruppo civico “Guglionesi insieme” proviene dalla recente esperienza nella minoranza consiliare del Comune di Guglionesi, già candidato nelle elezioni comunali del 2018 alla carica di sindaco nella lista civica “Comunità e futuro per Guglionesi”, alternativa a “Guglionesi RiparTe”.

Dallo scioglimento civico dell’esperienza amministrativa interna agli eletti della lista civica “Guglionesi RiparTe” – una disgregazione avviata già con l'azzeramento delle deleghe nella Giunta municipale a fine anno 2019 (cfr la nota "incrinatura di una maggioranza"), poi con nuovi componenti in giunta nell'autunno del 2020 – le posizioni di dissenso alla maggioranza originaria sono confluite, anche per una scelta di orientamento politico e di netta discontinuità con l'Amministrazione uscente, verso la lista civica “Guglionesi nel cuore”, che ha aperto a candidature su intese di dissenso all'Amministrazione “Guglionesi RiparTe” e provenienti dall'azione di opposizione negli ultimi anni in seno al Consiglio comunale.

Un nucleo di eletti nell’esperienza “Guglionesi RiparTe” prevalentemente di militanza partitica nell'area di centrosinistra, invece, sulla previsione anticipata di accordi elettorali (Regionali 2023) di campo largo anche con la rappresentanza locale del M5S – dal 2018 pur in opposizione all'Amministrazione comunale uscente – ha deciso di partecipare l'alleanza civico-elettorale “Guglionesi insieme” a sostegno dell'ex vicesindaco di "Guglionesi nel cuore", condividendo la prospettiva di un’alternativa alla stessa “Guglionesi nel cuore”, come già successo, del resto, nel 2013, cioè provando a ribaltare gli esiti deludenti, e all’epoca non (con)vincenti per il gradimento dell’elettorato, dall'esperienza civica messa in campo "Unità democratica per Guglionesi".

Si esce da una fase della politica locale nella quale, in seno al Consiglio comunale, è alquanto simbolico l'eccessivo numero di Gruppi consiliari costituitisi dal 2018, oltre il numero delle cinque liste civiche!
Eppure nella semantica civica delle periodiche aggregazioni elettorali, tra i contrassegni sulle schede elettorali, da più di qualche convocazione alle Comunali, si ripetono le parole “cuore” e “futuro”: spesso si scrive "futuro" e si legge "operazione da remoto", si professa il "rinnovo" e si prepara un'altra "proroga" con candidati nelle "liste (definite) civiche" come sentinelle politiche dei partiti più o meno gestibili anche da altrove.
Intanto, i guglionesani vanno al seggio elettorale continuando a preferire il “cuore” da tre mandati elettivi sui recenti quattro lustri amministrativi, affondando sistematicamente l'incomprensibile filosofia della politica del "futuro".

Constatando una considerazione storica non marginale nell'alternanza tra le due aggregazioni del centrodestra e del centrosinistra, i sindaci uscenti sono stati rieletti per un secondo mandato. A condimento di una profonda ed onesta riflessione politica, l'assenza del sindaco uscente per il rinnovo del suo mandato, pur nella scelta di una linea di civismo in generale, attesta il "passo indietro" del centrosinistra locale (in vista delle Regionali 2023?) da proprie candidature alla carica di Primo cittadino di Guglionesi.
Nel centrosinistra locale emerge, così, anche un certo arretramento, evidentemente riflesso nelle politiche del passato verso un autentico rinnovo della classe dirigente degli ultimi vent'anni, osservando che dal 1998 in poi mai un capolista di centrosinistra (militante e iscritto al partito di riferimento) sia rimasto fuori dalle Amministrative comunali di Guglionesi, cioè dopo l'estromissione della lista civica di centrosinistra nel 1994 per ritardi procedurali negli adempimenti elettorali e la celebre "spallata" da sinistra al candidato sindaco eletto nella prima convocazione storica dell'elezione diretta del sindaco.

Non solo. In entrambi gli schieramenti alternativi nelle Amministrative 2023, scartando l'opzione di praticare un profondo rinnovamento nel contesto del civismo locale, si converge per un capolista di militanza sulla stessa sponda politica, nel senso che entrambi i candidati sindaci alle Amministrative 2023 provengono da esperienze, per condivisione civica nonché per radici, da partecipazione politica e da candidature partitiche (cfr Elezioni provinciali) nell'ambito di referenza locale per il centrodestra e per la destra.

Fra le righe (oltre un certo giornalismo da gossip)... in prospettiva sondaggio, c'erano, dunque, già due certezze per l'esito del voto di metà maggio, perlomeno interpretando oggettivamente le modalità di formulazione delle due liste civiche in campo: per il mandato elettivo 2023/2028, Guglionesi poteva "scegliersi" un Sindaco con militanza attiva nel centrodestra (per la terza volta sugli ultimi quattro lustri amministrativi) e di vissuta adesione (prima o dopo) nella longeva "Guglionesi nel cuore".
Tuttavia, l'ulteriore sconfitta della proposta civica – alla quarta consiliatura di ciascuno dei capilista – (im)pone una personale, auspicabile e ragionevole presa di coscienza dal messaggio collettivo: (anche per quelle ombre dietro le quinte) una lunga stagione volge al capolinea, probabilmente con una consapevole valutazione in merito al definitivo congedo politico per lasciare spazio a profili di autentico ricambio della classe dirigente, senza equivoci, ambiguità, opportunismi, arrivismi, protagonismi e personalismi (mai più?) in divenire.

Le conseguenze delle (in)solite scelte e delle consuete contraddizioni, con tutti i conti e tornaconti, in ogni modo non arriveranno prima della chiusura delle urne di fine giugno (Regionali 2023), per l'incrocio amministrativo nella conditio sine qua non di ogni stabilità.

Cartellone




© FUORI PORTA WEB

FUORI PORTA WEB © BLOG DAL 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail: fpw@guglionesi.com