BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, fotografia digitale professionale, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.

Come operatore con esperienza professionale e qualificata per la progettazione e la gestione informatica su piattaforme digtiali è in possesso delle certificazioni European Informatics Passport.

Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia (circa 3.200.000 visualizzazioni/letture, cfr link).
Le divulgazioni del blog, a carattere culturale nonché editoriale, sono state riprese e citate da pubblicazioni internazionali.

Ha pubblicato libri di varia saggistica divulgativa, collaborando a numerose iniziative culturali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


8/7/2023 ● Agricoltura

Agricoltura, Genere Umano e neoliberismo.

L'Agricoltura non deve essere soppiantata dell'agribusiness.

  Giorgio Scarlato ● 1521


Il neoliberismo ormai è stato spiegato in tutte le maniere. Solo adesso, "tanti struzzi" si stanno rendendo conto, sulla loro pelle, di cosa sia stato capace di fare. In sintesi non è altro che il potere in mano ai pochi che, governando in modo avido e spregiudicato il dio danaro, sottomette, manipola e depreda gran parte di Paesi e Popoli. Quindi il neoliberismo ha errato e di guai ne ha combinati tanti ma si è ancora in tempo per porre rimedio.
Si ha bisogno di riordinare il pensiero del Genere Umano e comprendere dove lo sta portando. Caso contrario sarà la fine.

Come esempio prendo in esame il settore agricolo. Gli attuali sistemi agroalimentari globalizzati stanno perpetuando ed esacerbando la fame globale al punto tale da creare un enorme abisso di disuguaglianza sia tra le nazioni che al loro interno. Si parla spesso di efficienza della produzione agricola (e questo però è sempre da verificare) ma mai della efficienza dell'alimentazione in rapporto alla sua salubrità e di chi la produce, cioè la soluzione alla mancata redditività per chi produce cibo sostenibile inteso come cibo sano, nutriente e rispettoso ambiente.

Possono essere accettate tutte le forme di agricoltura tranne quella industriale, si badi bene, per come è oggi strutturata. Bisogna fare in modo che si rivitalizzino i suoli, si tuteli sempre più l'ambiente, la biodiversità invece di distruggerla come finora fatto, lo stesso clima. È nell'interesse dell'Essere Umano.

La nostra Agricoltura, quella con la a maiuscola, non deve essere soppiantata dall'agricoltura delle multinazionali, quella dell'agribusiness, per intenderci quella del Roundup Ready, meglio dei semi brevettati, o degli OGM.
L'agricoltura di oggi è quella delle multinazionali che stanno affamando i piccoli agricoltori.
Sempre più, i tanti "contadini monoreddituali" stanno comprendendo che si sta perpetuando nei loro confronti una grande ingiustizia sociale (ed i politici non se ne accorgono?). Si vedano i prezzi di vendita delle derrate (pomodori da industria, grano duro, etc). Prezzi da fame. Non si riescono a pagare manco le spese sostenute per produrle.
Un appunto in merito al mercato dei cereali. Sono quattro, le più potenti del mondo, le multinazionali che lo monopolizzano. L'Archer Daniels Midland Company, la Bunga, la Cargill e la Louis Dreyfus, meglio conosciute con l'acronimo A B C D.
Sono loro che decidono chi (nazione o continente), come e quando devono economicamente far vivere o morire.

Bisogna svegliarsi. E' ora di fare in modo che questo mondo non vada in tilt e si operi affinché la vera alimentazione non venga surrogata da quella "Frankestein".
L'Agricoltura vera non deve e non può diventare schiava di quella industriale.

A supporto di quanto su scritto, concludo con l'Enciclica di Papa Giovanni Paolo II, la " Sollecitudo Rei Socialis" (La sollecitudine del fatto sociale), pubblicata il 30 dicembre 1987.
Premetto che non sono un assiduo frequentatore della Chiesa.
Una Enciclica illuminante, lungimirante e straordinaria nella sua attualità.
" L'Uomo di questo secolo sta investendo tutte le sue risorse, le sue attenzioni, le sue capacità in tecniche, tecnologia, in scienza, in finanza ma non altrettanto in Sapienza. Cosa succederà?
Verrà il momento in cui questi strumenti sofisticati scapperanno di mano ad un uomo immaturo."

Ecco che cosa è successo e sta succedendo ai tanti settori, agribusiness compreso.
E, l'uomo di questo secolo, il nostro, visti i risultati avutisi, non è maturo a gestire niente. Si fa turlupinare da un mercato che gli impone acquisti di prodotti di poca importanza e di scarsa qualità, facendoli passare per indispensabili, qualunque sia il genere.
Il problema è nella nostra incapacità di dare senso all'uso degli strumenti che abbiamo.
Riflettiamoci.

Cartellone




© FUORI PORTA WEB

FUORI PORTA WEB © BLOG DAL 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail: fpw@guglionesi.com