BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
Tra i primi blog fondati in Italia
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.
Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia. Le sue divulgazioni digitali a carattere culturale, nonché editoriali, hanno superato 2.500.000 di visualizzazioni/letture, riprese e citate in varie pubblicazioni internazionali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


Condividi l'articolo:
 
© FUORI PORTA WEB

Cultura

"Il Santo" CSA , recensione sul convento di S. Francesco a Guglionesi






Guglionesi, 20/10/2008     2997


Sulla prestigiosa rivista francescana "il Santo", di Storia, Dottrina ed Arte, a cura del Centro Studi Antoniani [serie II, quadrimestrale, annata XLVIII (2008), fascicolo 1-2 (gennaio - luglio 2008)] il direttore Luciano Bertazzo ha dedicato una recensione sul libro de "Il Convento di San Francesco a Guglionesi, dalla fondazione alla chiesa di Sant'Anotnio di Padova" di Gabriele Morlacchetti, Domenico Aceto, Lucia Di Santo, Dora Catalano, Luigi Sorella [Palladino edizioni, Campobasso, 2003, pag. 274].
Una parte dei costi di stampa di questo volume è stata finanziata dal Comune di Guglionesi nell’anno 2003, attraverso l’Istituzione comunale “Centro ricerca di Storia locale” [che già nel 2002 aveva sostenuto la ristampa del libro “Sant’Adamo” di Corrado Gizzi, con il nuovo titolo “Come un verde abete”], mentre l’intera ricerca storico-archivistica sulla presenza francescana dei Conventuali è stata donata alla comunità di Guglionesi dagli stessi autori. L’Istituzione comunale “Centro ricerca di Storia locale”, nata a Guglionesi nel 2002 per incentivare la riscoperta, la tutela e la valorizzazione del patrimonio storico-culturale del Comune di Guglionesi, è stata soppressa nel 2004.

Si riportano alcuni stralci della puntuale recensione curata da Lucio Condolo.
“Il comune di Guglionesi, antica cittadina in provincia di Campobasso, nel 2003 ha pubblicato un pregevole volume sul convento di San Francesco dei frati Minori Conventuali, opera di cinque autori, competenti ed appassionati cultori delle locali memorie storiche.
Gabriele Morlacchetti illustra l’origine degli insediamenti francescani nel Molise e in particolare a Guglionesi, datando la fondazione della chiesa e del convento guglionesani al tempo del generalato di san Bonaventua, nel sesto decennio del Duecento. La modesta costruzione in stile gotico, affiancata dal chiostro, subì poi la violenza del terremoto nel 1456 e nel 1496 […].
L’autore si sofferma poi sulla duplice soppressione che in meno di duecento anni infierì anche sul convento francescano di Guglionesi. La prima, voluta dal papa Innocenzo X nel 1649, era finalizzata allo sfoltimento delle innumerevoli case religiose che, per povertà di personale e di mezzi economici, non davano garanzia di sufficiente osservanza delle regole monastiche. Nel 1652 con la bolla Instaurandae regularis disciplinae papa Innocenzo imponeva la chiusura dei conventi con meno di sei religiosi. Per tale decisione, l’ordine dei frati Minori Conventuali in Italia procedette alla soppressione di 442 suoi conventi. Nel 1655 anche San Francesco di Guglionesi passò in consegna al vescovo di Termoli […].
Nella prima metà del Settecento la chiesa venne rimodernata con stile barocco, con uno stupendo pavimento in maiolica […]. I secolo d’oro del convento guglionesano si concluse con al soppressione napoleonica che nel Regno di Napoli fu decretata da Giuseppe Bonaparte nel 1806 […].
Domenico Aceto presenta una serie di interessanti documenti del XV e XVI secolo, inerenti la vita della comunità francescana: la premura dei frati per gli infermi abbandonati, l’assistenza ai mendicanti, la pacificazione delle fazioni cittadine, una serie di lasciti a beneficio del convento, la cura spirituale e materiale del monastero di Santa Chiara, l’acquisto di un mulino, il saccheggio della città e del convento da parte dei turchi nel 1566.
Lucia Di Santo ci consente di sfogliare l’archivio della confraternita di Sant’Antonio, aggregato a quello parrocchiale di Guglionesi e giunto a noi con un inspiegabile vuoto cronologico tra il 1842 e il 1904(*). Ugualmente la ricercatrice è in grado di ricostruire molti degli interventi parziali che progressivamente ristabilirono la funzionalità e le bellezza del santuario […].
Alla perizia di Dora Catalano dobbiamo la ricostruzione di alcune forme artistiche assunte lungo i secoli dalla chiesa di San Francesco, mentre Luigi Sorella offre una articolata ricerca sulla facciata antica, quella barocca e quella ripristinata nel 1988; uno studio sull’interno del santuario nel XIII, poi le aggiunte barocche, le cappelle laterali e gli altari corrispondenti. Segue un meticoloso sondaggio sul convento, con perlustrazioni nelle celle, nel refettorio, nella sala capitolare, in cucina, nella stalla, nel chiostro e nel pregevole serbatoio per acqua piovana. Ampliato nel seconda metà del Cinquecento, il convento ospitò anche tre capitoli provinciali della Provincia religiosa di Sant’Angelo nel 1540, 1582, 1585. L’intervento di […] Sorella, il più diffuso e particolareggiato del volume, si conclude con la felice gestione della confraternita di Sant’Antonio che riuscì a salvare quel complesso francescano […].
Una serie di fotografie d’archivio chiude il volume, che nel lettore suscita interesse per le sfortunate vicende dei frati guglionesani, e un profonda ammirazione per l’amore che i cinque autori riservano a quello storico insediamento francescano, giunto a noi grazie alla dedizione e al sacrificio della locale confraternita antoniana”.

Per maggiori informazioni:
http://www.centrostudiantoniani.it/sant0812.html
http://www.centrostudiantoniani.it/santo.html

(*) I documenti segnalati del periodo mancante 1842-1904 sono stati rinvenuti di recente durante alcuni lavori di pulizia dell’antico coro della chiesa di Sant’Antonio e sono stati integrati nell'archivio storico parrocchiale di Guglionesi.



FUORI PORTA WEB © 2000-2022
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail:
fpw@guglionesi.com