BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, fotografia digitale professionale, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.

Come operatore con esperienza professionale e qualificata per la progettazione e la gestione informatica su piattaforme digtiali è in possesso delle certificazioni European Informatics Passport.

Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia (circa 3.200.000 visualizzazioni/letture, cfr link).
Le divulgazioni del blog, a carattere culturale nonché editoriale, sono state riprese e citate da pubblicazioni internazionali.

Ha pubblicato libri di varia saggistica divulgativa, collaborando a numerose iniziative culturali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


11/5/2024 ● Libro

Il Pianeta Jovine

Alberto Sana, nordico meridionalista in un portico di realtà e di speranze culturali.

  Vincenzo Di Sabato ● 111


E’ stata una scossa, quasi un bagliore di futuro a scuotere la pace beata che da un po’ sonnecchiava sulla figura di Francesco Jovine e sulla sua smania di risvegli alle bellezze e alle tenerezze del sapere. In un lucente mattino del luglio 2017 – infatti - provo l’incanto e la feconda consistenza della felicità. Sperimento l’irradiazione improvvisa d’una condivisione e di un’amicizia istintiva e solerte.
Chissà come. Certo è che Alberto Sana - un fuoriclasse volitivo, invaghito di cultura e di conquiste, nativo di Verdello e docente di latino a Treviglio nel bergamasco - giunge a Guardialfiera. Azzarda un viaggio di 780 km. e 14 ore di percorso al volante, pur di percepire - in diretta – l’“umanità umana”: le purezze e la familiarità, umori, amori e disamori effusi da Francesco Jovine, “il profeta del Sud”, del quale – oltre a Raimondo, mi rendo conto - con inquietudine - di essere ormai l’unico vivente ad averlo conosciuto, frequentato e amato.
A Palazzo Loreto, Sede del Centro Studi, Alberto Sana è accolto anche dall’affabilità di Itala Trolio (amministratrice comunale) e dal Parroco don Antonio Antenucci. Alberto cerca l’orma del passato; trova fogli ingialliti, tarlati, rigati da Jovine col pennino stentagliàto e intinto nel calamaio quand’era esule al Cairo. Pagine che tratteggiano fatica, rassegnazione, voglia di riscatto. Ed è avvincente pure il riscontro d’una angolazione religiosa, essendo analizzata la personalità di Padre Gabriele Consegni, figura francescana rilevante nelle missioni cattoliche dell’Africa, indescrivibili per arretratezza e povertà. Il sacerdote è popolare in quei luoghi per un suo saggio politeistico stampato sul periodico egiziano <La voce del Nilo>.
Alberto, nordico meridionalista, promuove i valori e le attrattine nostre lassù: nel nord, attraverso il magazine liceale “Weiliero”, il giornale dei docenti e della scuola. Incomincia a far conoscere persone e personaggi molisani presi a caso: Benito Jacovitti, Aldo Biscardi, Antonio Di Pietro, Celestino V… e via via tutto il campionario delle nostre personalità e specificità. E insiste con un itinerario pieno di luoghi e di cose da vedere e da fare. Poi, con avidità, cerca e trova dai casellari un profluvio di racconti e raccontini significanti e ammalianti che – tra l’inverno e la primavera del 2021 - pubblicherà a puntate su “Primo Piano Molise” e poi su “Weliero” all’interno del quale inserisce addirittura “La joviniana” rubrica di notizie e storielle inedite.
Coraggioso ed enfatizzato, si scatena. Contamina e fa sgobbare anche il fiorentino Claudio Giunti, cultore e docente di italianistica all’Università di Trento il quale, testualmente, arriverà a scrivere così: “Francesco Jovine è decisamente uno scrittore molto più grande di quanto tutti pensano”.
Per la “Cosmo Editore” di Isernia, pubblica subito un libro magnifico, elegante; “Scritti Africani di Francesco Jovine” che verrà a consegnarci a Guardialfiera il 20 aprile 2023. “Una novità – osserva il Prof. Martellii nella prefazione – perché offre testi sconosciuti e riproposti con verifiche inoppugnabili, testuali e filologiche, risalenti al tempo del suo soggiorno in Africa”.
Sana scopre nel Molise e scrive su intellettuali, prosatori e poeti. Legge Cuoco, Longano, Galanti; ma anche autori dialettali come Cirese, Cerri, e Guerrizio. Approfondisce indagini su Pasquale Albino, Perrella, Labamca; studia e pubblica in collaborazione con l’abruzzese Robertas Nuovavia, taluni scritti del giornalista Michele Lalli originario di Bonefro. E – fra breve – farà uscire per la rivista “Misure Critiche” diversi saggi curati da Felice Del Vecchio, appena scomparso. Di lui scopre, altresì, brevi racconti e scritti critici e politici dimenticati.
Alberto Sana è il sorprendente, ammirevole ideatore e munifico mecenate della annosa e sospirata ristampa di “Berluè”, il primo chiacchierato romanzo per bambini dello scrittore guardiese. Recupera inoltre la copia integrale dattiloscritta della traduzione joviniana de “I lavoratori del mare”, potente narrazione di Victor Hugo attraverso la quale viene chiarito definitivamente il fortissimo interesse che lo scrittore propensa per il lavoro e le fatiche delle classi subalterne.
L’Alberto (…“Magno”) sta ora tallonando, con passione, l’ambizioso progetto dell’editore Iannone finalizzato alla riedizione non solo de “Le terre del Sacramento” ma dei meravigliosi racconti da poco recuperati a cui include “Malfuta, o della fondazione del villaggio”, novella che il critico Luigi Russo considerò “una sorta di Nedda verghiana in salsa molisana”. Il volume accoglierà “L’impero in provincia”, “Storie di contadini”, “Tutti i miei peccati”. E, dopo di che, un libro di prose narrative disperse e malnote. Una collana, insomma, voluta e curata da Sana in collaborazione di Sebastiano Martelli e altri noti studiosi joviniani.

Il mitico Sana disseppelisce perfino dal mercato antiquario, una nuova copia di “Sole sul cammino” (Mondadori 1946), il volumetto di letture per la 4^ classe elementare di cui, finora, si conosceva soltanto un esemplare.

Belle notizie che rallegrano l’anima e che, credo, non cagionano più sottrazioni alla cultura, ma solo moltiplicazioni.





© FUORI PORTA WEB

FUORI PORTA WEB © BLOG DAL 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail: fpw@guglionesi.com