BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
Tra i primi blog fondati in Italia
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.
Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia. Le sue divulgazioni digitali a carattere culturale, nonché editoriali, hanno superato 2.500.000 di visualizzazioni/letture, riprese e citate in varie pubblicazioni internazionali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


Condividi l'articolo:
 
© FUORI PORTA WEB

Cultura

Il “sonno dell’anima” nell’adorazione delle “madri del dolore” alla Croce Santa






Guglionesi, 2/4/2015     1766


Vestite di nero, a lutto, alcune per anni, qualcun’altra anche a vita, le “madri del dolore” portano nel cuore ferite sanguinanti per la morte di un figlio o dei padri dei loro figli.

I Vangeli fissano all'ora nona romana del Venerdì Santo la morte sulla Croce adorata del Nazareno, il Figlio di Dio.

Per le “madri del dolore” era in uso processionale recarsi al cimitero la mattina (entro l'ora nona) del Venerdì Santo, con la Santa Croce, con l’Addolorata e con il Cristo Morto. Un momento di preghiera per liberare le anime del purgatorio.

Infatti, recitando per 33 volte (33 sono gli anni alla morte di Cristo) il Venerdì Santo l’orazione “Ti adoro o Croce Santa” – “ Ti adoro, o Croce Santa, che fosti ornata del Cor¬po Sacratissimo del mio Signore, coperta e tinta del suo Preziosissimo Sangue. Ti adoro, mio Dio, posto in croce per me. Ti adoro, o Croce Santa, per amore di Colui che è il mio Signore. Amen” – si liberano 33 anime del purgatorio. La stessa orazione recitata 50 volte ogni venerdì dell’anno, libera 5 anime del purgatorio.
La convalida dell’orazione ai fini della purificazione delle anime del purgatorio fu confermata dai papi Adriano VI, Gregorio XIII e Paolo VI.

Il "sonno dell’anima" è un sentiero di ascesa e di risveglio dei credenti, un viaggio delle anime dal purgatorio al paradiso che si compie attraverso l’adorazione della Croce Santa, interpretando in chiave escatologica le ultime parole di Cristo all’umanità, celebrate il Venerdì Santo: “Oggi tu sarai con me in paradiso” (Lc 23,43).

Al termine delle orazioni alla Santa Croce, al ritorno dal cimitero, le “madri del dolore” vestite di nero chiedevano ai portatori di caricarsi loro stesse della statua dell’Addolorata Madre del Signore.




FUORI PORTA WEB © 2000-2022
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail:
fpw@guglionesi.com