BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
Tra i primi blog fondati in Italia
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.
Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia. Le sue divulgazioni digitali a carattere culturale, nonché editoriali, hanno superato 2.500.000 di visualizzazioni/letture, riprese e citate in varie pubblicazioni internazionali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


Condividi l'articolo:
 
© FUORI PORTA WEB

Cultura

L'imponente e carismatica personalità culturale dell'abate Adamo (XI sec.) in Treccani.it






Guglionesi, 3/11/2015     1610


In una citazione del paleografo Armando Petrucci - noto studioso del Codice Diplomatico del Monastero di Tremiti - il Dizionario Biografico degli Italiani [volume 1 (1960)] della Treccani. La Cultura Italiana riporta le indicazioni storico-archivistiche in merito all'abate Adamo del monastero benedettino di Santa Maria delle isole Tremiti ("[...] È probabile che a lui si debba la costituzione del centro scrittorio nelle isole e la prima organizzazione dell'archivio monastico [...]).

Anche dagli studi (2005) di Gerardo Cioffari e di Luigi Sorella emerge l'imponente e carismatica personalità culturale dell'abate tremitense, personaggio della storia medioevale avvicinato, dallo stesso studio congiunto Cioffari-Sorella, alla memoria cultuale del Santo Patrono di Guglionesi [cfr. “Sant’Adamo dil Guglionesi. Abate nel monastero benedettino delle isole Tremiti. Aspetti storici, critici e cultuali dall’XI al XXI secolo”, Palladino Editore, Campobasso, 2005].

Nel 2014 ulteriore indagine archivistica [cfr. Sorella Luigi in: AA. VV. "Le traslazioni delle reliquie dei santi. Le carresi", Città Nuova, Roma, 2014] ha definito altre probabili connessioni sulle circostanze storiche, nonché umana e spirituale, riferibili all'abate "Adam" nel contesto della storia locale.

Di seguito il testo su www.treccani.it:

"ADAMO [di Armando Petrucci] - È il secondo abate di Tremiti di questo nome (il primo governò l'abbazia fra il 1015 e il 1017 e ne conosciamo solo l'esistenza). Egli resse il monastero fra il 1054 e il 1062 circa, nel periodo, cioè, più critico della espansione normanna nella Puglia settentrionale e nel Molise e della dissoluzione del governo bizantino e delle autonome contee longobarde in quelle regioni. Di questa situazione A. seppe abilmente approfittare, accogliendo, da una parte, sotto la protezione del monastero, i grandi proprietari terrieri longobardi e allacciando, dall'altra, amichevoli relazioni coi nuovi signori normanni, insediatisi nel Gargano.

Particolarmente buoni furono i rapporti stabilitisi fra A. ed il conte normanno di Lesina, Petrone, il quale più tardi si atteggerà a protettore dei monaci tremitensi. Fra il 1056 e il 1059 il conte donò o vendette molte terre e chiese al vicino monastero, mentre nell'Abruzzo il longobardo conte Atto largheggiava da parte sua in donazioni, e nel Molise gli ultimi conti di Campomarino si spogliavano di vasti possessi in favore del monastero isolano, pur di sottrarre qualcosa alla furia normanna.

Nel 1055 A. accolse nelle isole il cardinale Federico di Lorena, che sfuggiva alle ire di Enrico III; ma poco tempo dopo Federico se ne allontanò, malamente impressionato - secondo quanto dice Leone Marsicano -. dai cattivi costumi di quei monaci. In seguito sopraggiunse nelle isole lo stesso Desiderio di Benevento (già amico di A.), che vi trascorse un non breve periodo di tempo. Quando, però, nel 1058 divenne abate di Montecassino, Desiderio, intendendo riconquistare al proprio monastero la perduta influenza nella Puglia settentrionale, ottenne che papa Niccolò II confermasse, fra l'altro, a Montecassino il dominio su S. Maria di Tremiti. A. si recò allora personalmente al concilio di Melfi, riuscendo, dopo aver esposto le sue ragioni, il 1 sett. del 1059, a far riconoscere il diritto di Tremiti alla piena indipendenza.

Negli ultimi anni di vita estese ancora la sfera d'influenza tremitense nel Molise e nell'Abruzzo. È probabile che a lui si debba la costituzione del centro scrittorio nelle isole e la prima organizzazione dell'archivio monastico.

Fonti e Bibl.: Leonis Marsicani et Petri Diaconi Chronica,in Monumenta Germ. Hist., Scriptores,VII, Hannoverae 1846, p. 715; J. v. Pflugk-Harttung, Iter italicum,Stuttgart 1883, p. 190; Ph. Jaffé-S. Loewenfeld, Regesta Pontif. Rom.,I, Lipsiae 1885, p. 560; J. Gay, Le monastère de Tremiti au XI siècle...,in Mélanges d'archéologie et d'histoire,XVII (1897), pp. 390 ss.; E. Carusi-M. Vattasso Codices Vaticani Latini 10301-10700,Romae 1920, pp. 614-619, passim;G. B. Borino, L'arcidiaconato di Ildebrando,in Studi Gregoriani,III (1948), p. 483; T. Leccisotti, Le relazioni tra Tremiti e Montecassino...,in Benedictina,III (1949), pp. 203 ss.; A. Petrucci, L'archivio e la biblioteca del monastero benedettino di S. Maria di Tremiti,in Bullett. d. Arch. paleografico italiano,n. s., II-III (1956-57), II parte, p. 292".


[http://www.treccani.it]



FUORI PORTA WEB © 2000-2022
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail:
fpw@guglionesi.com