BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
Tra i primi blog fondati in Italia
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.
Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia. Le sue divulgazioni digitali a carattere culturale, nonché editoriali, hanno superato 2.500.000 di visualizzazioni/letture, riprese e citate in varie pubblicazioni internazionali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


Condividi l'articolo:
 
© FUORI PORTA WEB

Cultura

Giacomo De Sanctis, il "dottore dei poveri" dall'anima patriottica e risorgimentale






Guglionesi, 7/6/2016     1656


Nato a Guglionesi nell’anno 1803, il dottore in Medicina Giacomo De Sanctis [1803-1878] fu un liberale dall'anima patriottica e risorgimentale. Il papà Adamo fu già esiliato politico, il fratello Giacomo (il medico portò lo stesso nome del fratello morto qualche anno prima della sua nascita) fu vittima della rivoluzione giacobina nel 1799 e lo zio Giandomenico ebbe non pochi problemi per ragioni di libertà politica. Si occupò di quasi tutti i poveri del paese, che curava generosamente e gratuitamente.

Personalità di autorevole cultura: “Politico e letterato di chiara fama – annotano Ferdinando Gizzi e Luigi Lemme nel libro “Guglionesi” - s’interessò anche di studi filosofici ed aprì a Guglionesi una “Scuola di filosofia”, molto frequentata da giovani, che istruiva gratuitamente”. Dopo svariati benefici di ogni genere alla propria collettività morì nel marzo 1878, e Guglionesi osservò una settimana di lutto cittadino. L’allievo avv. Carlo Giordano De Leo scrisse la seguente epigrafe tombale: “A Giacomo De Sanctis / di virtù-libertà apostolo unico in tempi di corruzione e di servaggio / filosofo letterato / medico insigne / operò beneficenze / visse per la discente gioventù stese la mano salutare al povero / il suo discepolo forte nella sua fede vivrà nella sua rimembranza”.

Nel 1878 fu pubblicato un opuscolo dal titolo “Cenni necrologici del dottor Giacomo De Sanctis da Guglionesi” [Campobasso, Tipografia fratelli Giovanni e Nicola Colitti] dove l’autore scrive in premessa dell’ultima fatica culturale rimasta incompleta: “Le premurose insistenze di molti amici mi hanno fatto assumere il penoso incarico di pubblicare i particolari della morte del chiarissimo Dottore Giacomo De Sanctis da Guglionesi, più volte annunciata dai diari della nostra Provincia. Chi ha seguito il De Sanctis nei suoi passi nella vita sociale, saprà quant’amore egli portava alle scienze ed alle lettere, e quanta parte della sua vita consacrò al culto di esse. Nel febbraio p. p., quantunque nell’età di 75 anni, infervorato dall’ansia dei scrive un’opera che doveva portare il titolo “Lo scibile Umano, considerato nelle epoche di Puerilità, Adolescenza, Verilità e Vecchiezza, uno alla causa che lo domina” in una stagione invernale eccezionalmente oscillante in questo paese, ove le pulmonite acute sono quasi endemiche, non si peritava il De Sanctis affrontare i rischi ed i pericoli di un ambiente letale…”. Morì di polmonite mentre curava, notte e giorno, i malati del suo paese in quell'inverno rigido del 1878.

Nell’opuscolo “Cenni necrologici…” si legge l’epigramma del canonico Angelo Maria Rocchia in onore di Giacomo De Sanctis: “Optime Iacobe, nostras nunc accipe laudes, Accipe nunc planctum, quem tua facta vocant. In te, ac in paucis animi laetentur oportet; Undique nam luctus percutit Italiam. Nos facit heu! miseros quos feceras ipse beatos Cussaque laetitiae caussa doloris adest! [Sacerdos Angelus Maria Rocchia]” (pag. 29).
Il Rocchia, autorevole esponente della cultura locale nel corso dell’Ottocento, rimase profondamente commosso della morte del De Sanctis, tanto da dare voce secolare al proprio sconforto anche con un sonetto in memoria del caro “dottore dei poveri”:

In morte del dottor fisico Giacomo De Sanctis

Dunque su tutta Italia, o Morte piomba
Sì crudo, e inesorabile il tuo telo
Che pur del nostro vanto il dotto stelo
Osi troncare, e rovesciarlo in tomba?

Giacomo dunque, il gran Dottor s’intomba!
E ciò ch’Ei fu ormai è fatto gelo?!
Ma s’Ei depone il suo corporeo velo
Sua nominanza in noi sempre rimbomba.

Su Tiare e Scettri spaziosi l’ira
Di cruda Parca; e, non contenta, i vanni
D’un Genio ruppe sì ch’Egli ne spira.

Barbara Morte! Se i mortali danni
Son trionfo tuo, e al pianto ridi, ah! Mira
Del Sannio, e del Paese i grandi affanni!



FUORI PORTA WEB © 2000-2022
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail:
fpw@guglionesi.com