F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA

www.guglionesi.com
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di
ARS idea studio.

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
È proprio perché immaginiamo una comunità migliore, in ogni senso, con umiltà mettiamo a disposizione della collettività il nostro impegno.

........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (
Vincenzo Di Sabato)



 




 
 

 


Condividi
l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB

 
Articolo consultato 811 volte ● Archivio 10089 FPW

 Guglionesi 
In America avrebbe potuto vincere Bernie Sanders?


Pietro Di Tomaso
Pubblicato in data 14/11/2016 ● FUORI PORTA WEB © 2000

Su l’Espresso del 13 novembre viene ipotizzato che c’è un’America in cui avrebbe vinto Bernie Sanders, il “socialista”. Veniamo informati che qualche anno fa due docenti (Dan Ariely della Duche University e Mike Norton della Harvard Business school) hanno effettuato un esperimento su un campione di americani da cui è emerso che potendo scegliere avrebbero optato per una società fortemente orientata verso modelli di distribuzione della ricchezza “scandinavi”. L’esperimento risale al 2012, <<ma tutto lascia supporre – visto il trend delle diseguaglianze – che oggi i risultati sarebbero analoghi se non più spinti verso modelli “di sinistra”… I due ricercatori si sono basati infatti sul pensiero di John Rawls, considerato dai più uno dei maggiori filosofi politici del ‘900 (..). E all’anziano senatore del Vermont è rimasta la soddisfazione di una testimonianza. La sua America, per ora, resta confinata nei testi di John Rawls e nei “giochi” degli accademici liberal>>.

Ora qualche cenno su John Rawls. Come ci ha insegnato, non c’è stabilità senza giustizia. Occorre tener conto che nel mondo globalizzato in gioco ci sono i diritti e le libertà fondamentali, la lotta alla povertà e possibilità di vita più eque per tutti (cfr. John Rawls, Una teoria della giustizia, Fertinelli, Milano 1984. Il diritto dei popoli, Edizioni di Comunità, Torino 2001). <<La posizione filosofica di Rawls – come si legge su Wikipedia – può dunque essere vista come una forma di liberalismo egalitario, il che ha reso per un certo tempo le sue tesi molto popolari tra i democratici americani. Un liberalismo attento alla questione dell’eguaglianza e delle pari opportunità è per Rawls il tratto distintivo e immancabile di un’idea di giustizia concepita come equità. Il tentativo rawlsiano di giungere a dei principi di giustizia attraverso una formulazione deduttiva ha suscitato grande ammirazione ma anche molte critiche (…) Per rispondere in parte a tali critiche Rawls ritiene tuttavia che una forma su alcuni principi possano essere accettabili anche da chi professa convinzioni (ragionevolmente) diverse è possibile: è possibile cioè un liberalismo politico non metafisico garantito da ciò che Rawls chiama il “consenso per intersezione” …>>. Come dire: io non ti chiedo di rinunciare alle tue credenze ma ti chiedo di trovare, all’interno delle tue credenze, le ragioni per aderire a questo punto di convergenza.

Tutto ciò premesso segnalo che su Repubblica (13 novembre) si può leggere un intervento di Bernie Sanders in cui si dichiara addolorato, ma non sorpreso. <<Ho dato forte appoggio alla campagna elettorale di Hillary Clinton, convinto che fosse giusto votare per lei (…). Le famiglie lavoratrici vedono che i politici si fanno finanziare le campagne da miliardari e dai grandi interessi per poi ignorare i bisogni della gente comune. (…) Molte delle città rurali, un tempo belle, sono ormai spopolate, i negozi in centro chiusi e i giovani vanno via da casa perché non c’è lavoro – tutto questo mentre tutta la ricchezza delle comunità va a rimpinzare i conti delle grandi imprese nei paradisi fiscali (…). Nei prossimi giorni proporrò anche una serie di riforme per ridare slancio al Partito Democratico. Sono profondamente convinto che il partito debba liberarsi dai vincoli che lo legano all’establishment e torni a essere un partito di base della gente che lavora, degli anziani e dei poveri. Dobbiamo aprire le porte del partito all’idealismo e all’energia dei giovani e di tutti gli americani che lottano per la giustizia economica, sociale, razziale e ambientale (…). Se restiamo uniti senza permettere che la demagogia ci divida per razza, genere o origine nazionale, non c’è nulla che non possiamo realizzare. Dobbiamo andare avanti, non tornare indietro>>. Auguri!  

FUORI PORTA WEB © 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.


Segui FUORI PORTA WEB sui social

  


Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare l'e-mail all'indirizzo

fpw@guglionesi.com






FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com