BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
Tra i primi blog fondati in Italia
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.
Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia. Le sue divulgazioni digitali a carattere culturale, nonché editoriali, hanno superato 2.500.000 di visualizzazioni/letture, riprese e citate in varie pubblicazioni internazionali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


Condividi l'articolo:
 
© FUORI PORTA WEB

Cultura

"La Stampa", il guglionesano Arturo Stagliano tra Scultura e Cinema

Arturo Stagliano nacque a Guglionesi nel 1867 e morì a Torino, città dove operò tantissimo, nel 1936. Giovanissimo si trasferì a Napoli, dove frequentò l'Istituto di Belle Arti, quale allievo del maestro Domenico Morelli.







Guglionesi, 22/7/2008     2890


Sul quotidiano La Stampa di Torino, nel numero del 14 Luglio 2008, nella rubrica "Arte", è apparso l'articolo "Scultura, la chimera di Bistolfi & C. - Da Weber una scelta di opere a cavallo tra ’800 e ’900" a firma di Lea Mattarella. Nell'articolo si affronta il tema del rapporto tra scultura e cinema, in particolare con le citazioni di alcuni artisti scultori attivi tra l'800 e il '900. Tra i pochi nomi è citato Arturo Stagliano, di origini guglionesane, e due sue opere. "In questo mondo di sogni, incubi e chimere, - si legge sull'articolo de La Stampa - non può mancare la raffigurazione dei fauni. E qui interviene un altro aspetto interessante dell’esposizione: il rapporto con il cinema. Nel 1917 infatti Febo Mari gira il suo celebre film Il Fauno (in visione in galleria, grazie alla collaborazione con il Museo del Cinema di Torino). La storia è quella di uno scultore e di una sua creazione che si anima e vive una storia d'amore, naturalmente infelice perché la docile Fede sarà inevitabilmente sconfitta dalla rivale Femmina che nel nome contiene già l'esito della vicenda. Le due donne interpretano perfettamente la doppia anima della femminilità in area simbolista. Quando Mari arriva a Torino dalla Sicilia gli scultori si innamorano del suo viso possente e molti lo immortalano nel bronzo, come succede a Giovanni Riva. Così, mentre il film scorre, ecco, immobili eppure avvolti in una nuova magia, il fauno enigmatico, appena accennato, eseguito nel 1921 da Arturo Stagliano o quello malinconico di qualche anno successivo.
Il film era un po' la rivincita degli scultori, utilizzati dal cinema per realizzare anonime scenografie e invece, questa volta, protagonisti della storia. E la scultura oggi avrebbe bisogno di un rilancio. Basta guardare la meravigliosa Testa dell'Alpe di Bistolfi, che sembra rinascere dalla materia sotto i nostri occhi, per sentirne il fascino tutt’altro che sorpassato
".
Arturo Stagliano nacque a Guglionesi nel 1867 e morì a Torino, città dove operò tantissimo, nel 1936. Giovanissimo si trasferì a Napoli, dove frequentò l'Istituto di Belle Arti, quale allievo del maestro Domenico Morelli. Dal 1900 al 1904 risiedette a Capri, dove al "Caffè Morgano" incontra lo scultore Leonardo Bistolfi, che soleva trascorrere il periodo estivo nell'isola. In seguito alla sua frequentazione nascerà la passione per la scultura, alla quale Stagliano cominciò a dedicarsi nel 1904, abbandonando definitivamente la pittura. Poco dopo si trasferì a Torino per lavorare nell'atelier di Bistolfi, col quale collaborò fino alla morte del maestro, avvenuta nel 1933.
Nella sua "Guglionesi", quaderno turistico edito dalla stamperia Carunchio, così ne parla Manfredi Caruso nel 1934 (pag. 9): "Lo scultore Arturo Stagliano, che fu un tempo allievo prediletto del grande pittore Domenico Morelli, ed in seguito allievo del Senatore Leonardo Bistolfi, uno dei più grandi artisti del nostro tempo, disegnatore inarrivabile a bianconero, autore della impareggiabile statua di Sant'Anselmo ad Aosta, della magnifica statua equestre al generale Govone in Alba, e dei grandiosi monumenti, per citarne qualcuno tra i principali, ai caduti di Alba, di Novara e di Treviso".
Ad oggi, e da molti anni a questa parte, nonostante più richiami culturali, nessuna memoria a Guglionesi, nella toponomastica o in altri contesti, è dedicata al grande scultore di Guglionesi. Appunto, Arturo Stagliano.

Il 21 aprile 2008 sono iniziate le celebrazioni del nono centenario della morte di Sant'Anselmo d'Aosta. L'anniversario cadrà l'anno prossimo e verrà commemorato con una serie di iniziative, la prima delle quali è stata il restauro del monumento in Via Xavier de Maistre, opera dello scultore Arturo Stagliano, realizzata un secolo fa con una sottoscrizione pubblica. [www.naturaosta.it/curioso.htm]

Monumento ai caduti di Treviso
 



FUORI PORTA WEB © 2000-2022
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail:
fpw@guglionesi.com