F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA

www.guglionesi.com
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di
ARS idea studio.

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
È proprio perché immaginiamo una comunità migliore, in ogni senso, con umiltà mettiamo a disposizione della collettività il nostro impegno.

........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (
Vincenzo Di Sabato)



 




 
 

 


Condividi
l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB

 
Articolo consultato 3480 volte ● Archivio 10546 FPW

 Guglionesi 
Emerenziana Ludovici, oltre 104...


Antonio Sisto
Pubblicato in data 19/9/2017 ● FUORI PORTA WEB © 2000

Emerenziana Ludovici, è nata a Guglionesi (CB) il 17 settembre 1913 in Largo Gianni quattordici. Risiede a Roma in Largo Pannonia ventitré, accudita dai figli Gianfranco e Mario Casale. Molto probabilmente, considerando i nati a Guglionesi, con i suoi 104 anni, è la persona più longèva del nostro paese. A parte gli acciacchi dovuti all’età, Emerenziana ha una discreta salute. Un grande merito va dato alla signora Maria Ursu, originaria di Timisoara, in Romania. Da sette anni, la assiste quotidianamente con cure amorevoli, attente e competenti. Maria si è integrata molto bene in famiglia ed è diventata un riferimento importante per i figli Gianfranco e Mario che, la stimano tantissimo, e hanno verso di lei una riconoscenza senza limiti.
Il padre di Emerenziana, Enrico Ludovici era veterinario, sua madre, Giulietta Tarantino, era una nobildonna. E’ la nipote del Rev. Can. Don Giacomo Ludovici (1878 - 1952). Don Giacomo, durante il suo servizio è stato Cappellano della Confraternita di S. Antonio di Padova dal 1904 al 1927 e Vicario Parrocchiale di Guglionesi dal 1924 al 1933. Ebbe il grande merito di intuire che, nel nostro paese, per l’educazione e l’istruzione cristiana di tanti bambini, era necessaria la presenza di educatrici. Nel 1928 si recò a Roma e dopo un’udienza con la Madre Generale e fondatrice delle Suore Missionarie Zelatrici del Sacro Cuore, Madre Clelia Merloni, arrivò a Guglionesi un gruppo di cinque suore accompagnate dalla Reverenda Madre Vicaria Suor Marcellina Viganò.
Nel mese di dicembre dello stesso anno, in alcuni locali messi a disposizione dalla famiglia Leone, ubicati nell’ex Palazzo ducale dei Caracciolo in via Roma, fu fondato l’asilo infantile “G.B.Leone”. Immensa fu la gioia di tante famiglie, felicissime di fare assieme ai propri figli, una sana esperienza cristiana, ricreativa e istruttiva. Le suore del Sacro Cuore di Gesù hanno operato a Guglionesi fino al 29 agosto del 2013. Il 9 settembre dello stesso anno, sono arrivate le suore Ancelle Eucaristiche che, ancora oggi, con amore cristiano e spirito educativo, curano la crescita dei nostri bambini.
A soli due anni, Emerenziana rimase orfana di padre a causa di un incidente, e tutta la famiglia, mamma Giulietta, la sorella Gina e suo fratello Manlio, furono sostenuti dal nonno paterno Luigi Ludovici, padre del Canonico Don Giacomo, che, fece loro, da “secondo padre”. Questi era nato in Vico Seminario quattro. In un locale in prossimità di Vico Enea e Giuseppe D’Aloisio svolgeva la professione di farmacista. Sua moglie era la nobildonna Anna Maria Luisa De Santis.
Non si può dire che la buona sorte corresse dietro di loro, difatti, dopo qualche anno, “persero” anche il “secondo papà” che, per fortuna, lasciò a Emerenziana una ricca dote che le permettesse di affrontare con serenità il proprio futuro. Fu affidata alle cure dello zio, Gabriele Tarantino, fratello della madre Giulietta. Questi viveva a Napoli, città di cultura e di bellezze, con la moglie Elvira. Giunta l’età degli studi superiori, Emerenziana si trasferì a Napoli dagli zii, ben felici d’ospitarla, anche perché non avevano figli. Ma, c’è bisogno di dirlo? Appena conseguito il diploma Magistrale morì anche lo zio Gabriele, lasciando la moglie che, non era di Guglionesi, sola nella grande casa di Corso Garibaldi. Emerenziana, benché gli studi fossero terminati, per farle compagnia, si trasferì quasi stabilmente a Napoli, tornando ogni tanto a Guglionesi dalla mamma Giulietta e dalla sua amica del cuore, Iole Carusi, figlia del deputato guglionesano Mario Carusi.
Roberto Casale, un bel giovane nato a Napoli il 6 febbraio 1914, avendo vinto un concorso al Ministero delle Finanze, fu mandato a prendere servizio a Guglionesi. Alloggiò nella locanda in via Largo Gianni, gestita dalla famiglia Colonna, proprio di fronte alla casa dei Ludovici. La locandiera, un po’ per il gusto dell’intrigo, un po’ per pettegolezzo, forse anche per convenienza, o chissà perché, aveva un suo modo di fare alquanto discutibile e singolare. Nella sua mente aveva un chiodo fisso: tutti i giovani forestieri che soggiornavano nella sua locanda, specialmente attraverso i suoi buoni uffici, dovevano accasarsi con ragazze del posto. Sapendo che Emerenziana, in quel periodo, viveva a Napoli dalla zia Elvira, cercava in tutti i modi, il pretesto per stabilire un contatto tra i due giovani. Con sfacciata insistenza cercò di convincere sua madre Giulietta che c’era la possibilità di far recapitare a Emerenziana, qualche lettera o un pacchetto, senza nessuna spesa, da parte di un suo giovane ospite che, ogni tanto, tornava a Napoli dalla famiglia. Donna Giulietta, agli inizi fu abbastanza titubante e alquanto indignata, in seguito, anche se a malincuore, accettò. Il giovane Roberto partì per Napoli, consegnò un pacchetto, ma non riuscì a parlare con la ragazza, fece appena in tempo solo a intravedere la sua leggiadra figura, e ne rimase colpito. Ritornato a Guglionesi, Roberto si sentì male. Una notte, la febbre lo divorava a tal punto che si sentì perduto. Delirando, gli venne in mente il bellissimo volto intravisto a Napoli e, in quella notte di febbre e di sgomento, nacque “spontaneo e disinteressato” l’amore per la bella Emerenziana, in seguito, ampiamente ricambiato. La dote premurosamente lasciata da “Papà Luigi” andava oltre le necessità degli studi tanto che, Roberto ed Emerenziana, si sposarono il 29 ottobre 1938 a Pompei. Anche Gina, la sorella maggiore di Emerenziana, sposò un frequentatore della locanda dei Colonna, un certo Alberto Giaccio di Agnone (IS), a dimostrazione della grande abilità della locandiera di combinare matrimoni. Per necessità di lavoro del marito si trasferirono a Formia (LT). Qui nacque Gianfranco, vissero felici e sereni fino al fatidico 1943, quando Formia fu contesa dagli americani e dai tedeschi. Vivere in città ad aspettare gli eventi era molto rischioso e in tanti si ripararono nelle gallerie ferroviarie, abbondanti nella linea Roma – Formia, anche Emerenziana e la sua famiglia erano tra questi. Roberto, assieme ad altri civili, fu “rastrellato”, impacchettato su un carro bestiame e spedito in un campo di concentramento in Germania a lavorare nelle fabbriche tedesche. Subì la stessa sorte degli I.M.I. (Internati Militari Italiani) le cui pagine di storia, ancora oggi, non sono state ancora completamente scritte. Per un certo periodo non si ebbero sue notizie. Un giorno Emerenziana, fortunosamente, ricevette un messaggio del marito dalla prigionia che, la invitava, di riparare a Erba (CO), sul lago di Como. Prese il fagotto che aveva, il figlioletto Gianfranco di tre anni, si mise in marcia da Formia, e dopo varie peripezie si ricongiunse con suo fratello Manlio che lo aspettava a Erba.
Roberto tornò dalla prigionia alla fine del 1945. Per il suo lavoro, si trasferirono a Roma. Nel gennaio del 1947 nacque Mario.
Roberto Casale è morto a Roma nel 2010 alla bella età di novantasei anni, il matrimonio con Emerenziana Ludovici è durato ben settantadue anni!

Un grazie particolare a Mario Casale, al Presidente dell’ONLUS San Nicola di Guglionesi Antonino Pace, al Responsabile dell’Ufficio Anagrafe del Comune di Guglionesi Antonio Russo e a Luigi Sorella di Ars Idea Studio Guglionesi, per la preziosa collaborazione.

Fotografie:
1 - Emerenziana a 10 anni (1923)
2 - Emerenziana a 22 anni (1935)
3 - Emerenziana a 100 anni (2013)
4/5 - Emerenziana a 104 anni (2017)

 

FUORI PORTA WEB © 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.


Segui FUORI PORTA WEB sui social

  


Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare l'e-mail all'indirizzo

fpw@guglionesi.com






FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com