F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA

www.guglionesi.com
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di
ARS idea studio.

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
È proprio perché immaginiamo una comunità migliore, in ogni senso, con umiltà mettiamo a disposizione della collettività il nostro impegno.

........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (
Vincenzo Di Sabato)



 




 
 

 


Condividi
l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB

 
Articolo consultato 1255 volte ● Archivio 11972 FPW

 Guglionesi 
La forza dei fatti contro i leoni della tastiera...


Guglionesi riparte
Pubblicato in data 5/12/2020 ● FUORI PORTA WEB © 2000

La forza dei fatti contro i leoni della tastiera… senza pudore e con la coda di paglia. Tutto chiacchiere e distintivo.

I toni muscolari non ci impressionano, né ci preoccupano ormai. Anche se reiterati con veemenza. Siamo abituati a certe sparate, da imbonitore di folle, ad uso interno. Molto di più, invece, siamo preoccupati delle cose che taluni riescono a “combinare” quando amministrano ed i problemi che lasciano.
In questo caso, conveniamo, con l’ex-Sindaco di Guglionesi, il quale ha mostrato una grande abilità manovriera nel fare bene cose che risultano lontane mille miglia dal perseguimento del bene comune. I fatti stanno lì a dimostrarlo. Sia, nelle poche cose fatte “inutili ed incomplete”, sia nelle divisioni e spaccature sociali create dallo stile imposto “dell’uomo solo al comando” circondato dal coro muto e dall’ideologo che richiama alla mente Hiroo Onoda, il giapponese che continuò la seconda guerra mondiale dopo che era finita.
Ma per rimanere alle questioni poste da perfetto leone da tastiera (oggi va di moda esserlo) non intendiamo sottrarci dal fornire risposte puntuali. Come, da questo momento, faremo anche con altri(e) frequentatori di salotti per annoiati frustrati nella ricerca di dare un senso alla loro “povera” esistenza politica.


1. SUL RINNOVO DELLE CARICHE AL COSIB.

A fronte di un evento delicato e strategico come il rinnovo delle cariche al Cosib per noi era doveroso spiegare le ragioni e quali obiettivi hanno mosso l’amministrazione per riavere un posto di responsabilità nella governance del Cosib. Tutto qua.
Questo dopo 10 anni di blocco trasformistico ad esclusivo vantaggio dei “4 amici al bar”, che per contro ha prodotto gravi danni al territorio ed alle imprese. Constatazione, oggi, unanimemente ammessa anche da qualche “smemorato” protagonista.
Ma in questo paese, sempre più avvelenato dal metodo del pettegolezzo e della maldicenza come criterio di lotta politica, alimentato dai soliti noti (quelli che buttano il sasso e nascondono il braccio, di cui si conoscono nomi e cognomi) che pretendono di imporre la regola divisiva che: non è importante cosa si fa, ma chi lo fa.
Pertanto, la prassi usata per 10 anni (membro del CDA e Presidente f.f. del Cosib, poi Presidente di Net-Energy, cariche lautamente retribuite, con l’avallo colpevole di personalità, a parole di centro-sinistra, ma dediti al “comparaggio”) da novembre 2020 diventa scandalosa.
Fino al punto, che a fronte dell’impegno della maggioranza, di ri-ottenere un posto nella governance per curare gli interessi del territorio e, quindi, anche di Guglionesi, alcuni rappresentati della minoranza (ivi compreso gli ultimi acquisti) a vario titolo, si sono dati da fare per bloccare la nomina.

Quali preoccupazioni hanno mosso quelle persone non è dato saperlo con precisione;
Qualcuno, non solo di Guglionesi, è preoccupato che si avvii un processo di discontinuità rispetto ad una gestione fallimentare?
Qualcun altro che con irrefrenabile patetico narcisismo ed avidità è preoccupato d’altro?

Che dire: li avrà mossi e continua a muoverli il solito amore sconfinato per Guglionesi?
Lasciamo ai lettori il giudizio.
Sul punto, un’ultima annotazione matematica: la maggioranza per scegliere i componenti del direttivo Cosib c’era a prescindere dal voto del Comune di Guglionesi e cioè: voti totali 10, voti della maggioranza 6 (Termoli 2 voti, San Martino 1 voto, Petacciato 1 voto, San Giacomo 1 voto, Campomarino 1 voto). Quindi di quale quinta ruota del carro si parla? Fatto sta che mentre l’amministrazione Antonacci era uscita fuori dal CdA del Cosib, l’amministrazione Bellotti ci è rientrata, deliberando anche una riduzione del 30% delle indennità (oltre a quella per la carica di Sindaco ridotta del 50%).


1. SULLA SENSIBILITÀ OSTENTATA NEL CONTRASTO ALLA VIOLENZA DI GENERE.

Mettere in relazione il chiarimento sul Cosib con una presunta insensibilità verso il dramma della violenza contro le donne mostra solo la superficialità ed il cinismo (a molti noto) che caratterizza notoriamente chi lo ha rilevato. Un tentativo goffo e patetico di fare captatio benevolentiae verso il genere femminile. Ma negli anni quali ricopriva posti di responsabilità, quali politiche attive sono state promosse contro la violenza di genere.


2. NEGLI ANNI 2008-2018 “RAPPRESENTANZA O INDENNITÀ”?

Nel periodo 2008-2018 il Sindaco-protempore di Guglionesi è stato un vero e proprio collezionista di cariche. In enti o organismi pensati e creati da altri per lo sviluppo territoriale, i quali però molto presto, sotto la direzione ed il coordinamento del “Don Rodrigo nostrano” (che continua ad agire, indisturbato, dietro le quinte) si son trasformati in luoghi da cui ricavare indennità, rimborsi spesa ed altre utilità.

Questo a fronte dell’imperversare di una crisi (quella del 2008) a cui nessuno dei protagonisti si è mostrato interessato di rispondere con provvedimenti adeguati.

Ed allora, se misurate con l’ottica del perseguimento del bene pubblico, la collezione di cariche rappresentano la dimostrazione del fallimento politico di quell’esperienza a fronte di un ingiustificato aumento di privilegi ed indennità.

La domanda è: rappresentanza o indennità? Ma sull’argomento è inutile sprecare altre parole.

Anche a Guglionesi stessa cosa. E’ toccato a noi ridurre del 50% il costo della giunta con un risparmio notevole per l’amministrazione.

Ma, quelle cariche a ben pensarci, sono state anche la chiave di volta (il vero collante), di un sistema di potere trasversale autoreferenziale che ha prodotto “debiti ed inefficienze nel COSIB”, il depotenziamento dell’Unione dei Comuni, la marginalizzazione del Basso Molise nelle politiche regionali. E di molte altre cose.

Non a caso, per ottenere la carica di presidente di Net-Energy si è dovuto mollare quello nel CDA del Cosib. Questo su sua stessa ammissione. Evidentemente occorreva fare spazio a qualche altro ex-Sindaco che rappresentava solo se stesso.

Senza gli incarichi quell’insano equilibrio si sarebbe sciolto come neve al sole e noi siamo convinti che la preoccupazione per la sorte della “congrega” abbia mosso in maniera trasversale molte persone nelle settimane scorse per evitare che accadesse la nomina del Sindaco di Guglionesi al Cosib. Ecco di cosa si parlava nell’intervento.


3. Sulla esperienza di governo degli anni 2008-2018.

Crediamo che in primis spetti all’opinione pubblica dare un giudizio. Ma, per quanto riguarda il nostro giudizio, riteniamo essa sia stata certamente una delle esperienze più fallimentari degli ultimi decenni.

Al di là di certe narrazioni “narcisistiche”, i dati ci raccontano di un paese uscito peggiorato dalla cura imposta nei dieci lunghi anni dell’amministrazione Antonacci. E le famiglie lo sanno bene.

Oggi, la nostra comunità è alle prese con una crisi sociale ed economica che certo non è nata 2 anni fa. Depauperamento demografico. Crisi delle attività autonome. Disoccupazione giovanile. Vertiginosa diminuzione della spesa per investimenti. Aumento della tassazione locale fino al raddoppio. Eliminazione di servizi essenziali (smantellamento dei servizi sociali e culturali) a fronte di quelli ricreativi. Sottoutilizzo o chiusura dei luoghi della cultura (biblioteca, pinacoteca mai allestita, mancata manutenzione del Cinema Teatro. museo civico) Poca trasparenza in materia di appalti di opere (pochi a dire il vero) molto spesso fatte e realizzate male. Opere che son durate lo spazio di un mattino o non collaudabili. Opere di urbanizzazione delle lottizzazioni mai realizzate. La manutenzione del territorio inesistente. Fino alle gravi irregolarità amministrativo-contabili portati, di recente, all’attenzione del Consiglio Comunale. Ci fermiamo qui.

Ma su tutto questo torneremo tra non molto con dovizia di particolari.

Ma per non farci mancare nulla, circa la capacità di realizzazione di quell’amministrazione, forse vale la pena ricordare: l’inaugurazione del Cinema Teatro Comunale e dell’impianto dei rifiuti. Molto bravi a tagliare nastri di opere contro le quali dall’allora minoranza c’era stata sistematica opposizione organizzando persino fiaccolate, salvo poi rinnovare convenzioni per 17 anni, senza una consultazione popolare sull’opportunità del rinnovo e senza il coinvolgimento dei residenti nelle vicinanze della discarica. E potremmo narrare altro, di cui per il momento ci asteniamo.

Infine, le divisioni avvelenate che hanno caratterizzato gli anni 2008-2018 finite con una drammatica frantumazione della rappresentanza, ci raccontano ben altro dalle descrizioni tutt’altro che mitiche di chi fantastica sul ritorno al dov’eravamo.


4. Sull’asilo comunale.

Come un ex-Sindaco dovrebbe sapere, la istituzione Asilo comunale gestisce in piena autonomia, pur essendo un organismo strumentale del Comune. Ogni anno è tenuto a sottoporre la gestione finanziaria ed amministrativa al controllo analogo, ivi compresa la rendicontazione fatta nel rispetto delle regole di finanza pubblica.

Ripristinata la legalità (cosa che avverrà a breve) verranno pagati tutti.


5. Sulla trasparenza e le eredità delle amministrazioni passate.

Dato che non abbiamo nulla da nascondere (semmai da capire) abbiamo sempre risposto alle interrogazioni dando tutte le informazioni necessarie. Una prassi che l’amministrazione dei “favolosi” anni 2008-2018 non era uso fare.

Lo ammettiamo, non siamo dei campioni nell’utilizzo dei social. Né siamo spigliati, per il semplice motivo che non serve esserlo dietro la tastiera. E vogliamo rassicurare tutti circa i nostri presunti incubi che, certo, non sono gli ex-Sindaci.

Le nostre uniche preoccupazioni sono le sorti del paese e le gradi difficoltà cui ci imbattiamo quotidianamente per via di una macchina inefficiente, che non abbiamo certo creato noi, e problematiche di non facile soluzione. Soprattutto per un modello di spesa irrazionale, cui non è stato facile porre rimedio.

I primi due anni siamo stati costretti a scontare i danni e la macerie lasciate dall’amministrazione precedente. Oltre, che a far fronte alle problematiche lunari ed agli agguati (da paese del sud-America) orditi da altri, che hanno prodotto solo grandi perdite di tempo.

Non escludiamo gli errori commessi, cui cercheremo di porre rimedio. Ma, siamo decisi tuttavia a portare avanti il nostro disegno. Lo faremo con serenità e determinazione, senza lasciarsi impressionare dai leoni della tastiera, operando con apertura ed innovazione.

I confronti pubblici prontissimi a farli, ma con interlocutori istituzionali a prescindere dal colore politico. Non abbiamo tempo da perdere con chi ha poco dato e nulla potrà dare a questo paese.  

FUORI PORTA WEB © 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.


Segui FUORI PORTA WEB sui social

      


Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare l'e-mail all'indirizzo

fpw@guglionesi.com






FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com