F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA

www.guglionesi.com
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di
ARS idea studio.

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
È proprio perché immaginiamo una comunità migliore, in ogni senso, con umiltà mettiamo a disposizione della collettività il nostro impegno.

........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (
Vincenzo Di Sabato)



 




 
 

 


Condividi
l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB

 
Articolo consultato 520 volte ● Archivio 12085 FPW

 Guglionesi 
Sono passati i giorni: quando una canzone è vera poesia


Arcangelo Pretore
Pubblicato in data 21/4/2021 ● FUORI PORTA WEB © 2000

Scorrendo distrattamente le pagine in un libro ho ritrovato trascritto su un foglio ingiallito, copiata a mano su una pagina di un quaderno a quadretti, con una grafia minuta e precisina dal mio amico Peppino Urbano il testo di una canzone di tanto tempo fa ; ero giovane. Voglio proporla su Fuoriportaweb almeno per due motivi ; Il primo perché quella canzone , come fosse la mia ombra, con leggera , intima segretezza mi ha accompagnato da quando ho avuto modo di ascoltarla per la prima volta . Innamorato del testo e della melanconica interpretazione dell’autore presto ne ho imparato il semplice arpeggio di accompagnamento alla chitarra , perché il testo prende vigore e senso compiuto se viene anche interpretato da una voce narrante . Nel brano di repertorio , la voce è quella del suo autore Tito Schipa junior (figlio del più noto interprete lirico Tito Schipa ). D’altronde ascoltare una musica senza testo lascia troppo o poco spazio all’immaginazione . Il secondo motivo è presto detto : mi piacerebbe che questo cantautore di nicchia, riservato, possa essere conosciuto ed apprezzato anche da qualcuno dei miei eventuali lettori .

Sono passati i giorni
A lasciarci dietro la città
Per un weekend di libertà
Non eravamo solo noi ,
ma il wron.wron ipnotico che fa
il mio motore quando va ,
forse il sogno di esser soli al mondo
col crepuscolo per sfondo ci portò
    Marco accese un’altra sigaretta ,
    poi il taclon di una cassetta
    e quel flauto incominciò.
    Anna disse “ in fondo chi lo sa,
    guardate quelle case là
    forse siamo noi, forse son loro
    a spostarsi non è chiaro “ e s’incantò
Il tuffo del sole affogò le parole
laggiù, giù con sé,
il viso di Sandra si clorò d’ambra ,
noi in silenzio si guardò ,
poi la prima stella che spuntò
verso la sera ci attirò,
ci attirò verso la sera.
    La stradina che vediamo ad est
    oltre l’asfalto il fiume ed il resto
    ci raccolse, evaporò?
    viaggiavamo sulla giusta via
    quella che ognuno pensa è mia
    poi una rete a strascico di stelle
    gli eucalipti della valle imprigionò
Resta la mia mano sul volante,
Il cuore batte poco più distante ,
è tutto quello che so di me e di quel che ho.
    La casina bianca si raggiunge
    che è già notte da un bel po’ .
    Canta un grillo la liberazione . ma una luce dal balcone dice “no”!
La casa viveva , qualcuno attendeva ,
qualcuno, ma chi?
Pensieri già spenti rinascono attenti
Ritorna l’ombra di un perché.
    Spengo il mio motore ed anche l’eco
    di un timore ora si è spento :
    apro la porta ed entro .
        Sono passati i giorni,
        sono passati i giorni.
Questa è una canzone mai finita
Cominciata e poi perduta
chissà quanto tempo fa ;
Restituita da una carta un po’ ingiallita ,
ma la grafia è la mia , ma di un’altra età .
forse al tempo in cui la mia poesia
non tradiva una mania d’eternità .
    Il tempo che è un prestigiatore d’arte,
    ha continuato il gioco con le sue tre carte :
    Prima, Adesso e Poi .
    Ha cris6tallizzato la sua scia
    sui tetti, sulle porte di casa mia
    non è così da voi ,
    è così da me , da me che scrivo,
    sempre meno bravo a dire quel che ho .
A dire di un male che amaro risale
dal fondo di me , rileggendo quella strana
mia canzone ormai lontana
che non mi ricordavo più ,
chi ci fosse in quella casa !
sono passati i giorni .
    Sono passati i giorni in cui una gita ,
    un tramonto, una v nottata
    in poesia ritorni .
    Ma in quei trenta versi , io ve lo giuro ,
    non so come ero sicuro
    che avrei dato un nome ad ogni pensiero
    e davvero non ci avrei pensato più .
        Sono passati i giorni,
        sono passati i giorni.

Tito Schipa Junior

 

Il brano che qui riporto per esteso si può ascoltare al link :
 

 

 

FUORI PORTA WEB © 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.


Segui FUORI PORTA WEB sui social

  


Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare l'e-mail all'indirizzo

fpw@guglionesi.com






FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com