BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
Tra i primi blog fondati in Italia
x

Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta: la Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.

Luigi Sorella (blogger).
Nato nel 1968.

Operatore con esperienze professionali (web designer, copywriter, direttore di collana editoriale, videomaker, graphic developer), dal 2000 è attivo nel campo dell'innovazione, nella comunicazione, nell'informazione e nella divulgazione (impaginazioni d'arte per libri, cataloghi, opuscoli, allestimenti, grafiche etc.) delle soluzioni digitali, della rete, della stampa, della progettazione multimediale, della programmazione, della gestione web e della video-fotografia. Svolge la sua attività professionale presso la ditta ARS idea studio di Guglionesi.
Il 10 giugno del 2000 fonda il blog FUORI PORTA WEB, tra i primi blog fondati in Italia. Le sue divulgazioni digitali a carattere culturale, nonché editoriali, hanno superato 2.500.000 di visualizzazioni/letture, riprese e citate in varie pubblicazioni internazionali.

"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." Vincenzo Di Sabato

Per ulteriori informazioni   LUIGI SORELLA


Condividi l'articolo:
 
© FUORI PORTA WEB

Poesia

“A fescte de Sand'Adamme“ (La festa di Sant’Adamo) di Vincenzo Lorito








Guglionesi, 1/6/2021     785


A Sand' Adamme faciame na fescte tutt' u paiase a matene z'allescte z' anna sbreghe' a fa i masciate pecca' a fescte z'e' gia accumenzate. I cambane che sonene a fescte freguelone sparave na baumme/ se cacchedeune angaure dermeve/ saupre u pujatte praunde appareve./ Fammene é ummene z' arecagnevene/ e tand' augurie ze ke scagnevene/ gia ierene bille chilli gevenettallee/ e pe de chieu ze mettavene i vesctete chiu' bille/ pecca' è a fescte de Sand' Adamme/ qualle che coscte n' è maie nu danne./ Sand'Adamme è i preme de gieugne/ u metetaure te' a favece a nu peugne/ ma pe nu iurne ze l' eda scuerda' pecca' a fescte ada respetta' ./ Ghe' na fescte de grande valaure/ tutte i gende je danne nu naure./ A Sand'Adamme ze fa na bella precessiaune/ pecca'de Guejenesce è u Sande Patraune./ A na fescte de Sand' Adamme / z' ammetevene i bande/ l' opera bille l ' avenna senaie/ pecca' Sand' Adamme z' ada recuerdaie/ na bande è belle n' atre è bbone/ pecca' Sand' Adamme è u Sande patraune./ A mezzeiurne ze magne a na tavele/ che nu mesale belle e lecende/i maccareune cu ciappe sonne i preferete/ che nu galleucce bbone arresctete./ U doppe magne' z' attaccave nu sctreusce/ tra lungomare e casctellare./ Arreve l' aure di pizze ana chiezze/ tutt' i ggeune ze mattene a sckiette/ a mezze a faulle le fanne i caprecce/ nu pezzeche arrete, nu chjeuchje a ni recce/ e ogni tande ci' aghescene i mbecce./ Ma è a fescte de Sand' Adamme/ ogni male ne porte ma danne./ Freguelaune le spare na botte doppe na bbaumme/ n' atra botte, tutte calavene a Foraporte./ I bbaumma grusse cumenzavene a tereie/ ma è a fescte de Sand'Adamme/ ogni male ne porte ma danne./ Quande u fuchescte fenesce a sparaie / i ggende a ni case cumenzene a rendraie/ scta' culle che te' poche da faie/ me' culle cuendenue a passeieie/ però tutte quinde ze vanne a dermeie/ chiane de gioie e tand' allegreie. / Z'e' fatte a fescte de Sand' Adamme/ ogni male ne porte ma danne.


A Sant' Adamo facciamo una festa/ tutto il paese la mattina si allesta/ si devono sbrigare a fare i servizi/ perché la festa è già cominciata/ le campane suonano a festa/ " freguelaune" sparava una bomba/ se qualcuno ancora dormiva / sul piccolo poggio pronto appariva./ Donne e uomini si vestivano a nuovo/ e tanti auguri se li scambiavano/ già erano belle quelle giovinette/ e in più si mettevano i vestiti più belli/ perché è la festa di Sant'Adamo/ quello che costa non è mai un danno./ Sant'Adamo è i primi di giugno/ il mietitore tiene la falce in pugno/ ma per un giorno la deve dimenticare/ perché la festa deve rispettare./ È una festa di grande valore/ tutta la gente le dà un onore/ a Sant'Adamo si fa una bella processione/ perché di Guglionesi è il Santo Patrono/ Nella festa di Sant'Adamo/ si invitavano le bande/ le opere belle le dovevano suonare/ perché Sant'Adamo si deve ricordare/ una banda è bella un'altra è buona/ perché Sant'Adamo è il Santo Patrono. / A mezzogiorno si mangia a tavola/ con una tovaglia bella e lucente/ i maccheroni col ceppo sono i preferiti/ con un polletto ben arrostito. / Il dopo pranzo iniziava la passeggiata/ tra lungomare e castellara./ Arriva l' ora dei brani musicali in piazza/ tutti i giovani si mettono in mostra/ in mezzo alla folla fanno i capricci/ un pizzico dietro , un soffio ai ricci/ e ogni tanto ci escono degli impicci / ma è la festa di Sant'Adamo/ ogni male non porta mai danno./Freguelaune " lo spara un botto/ tutti scendevano a Fuoriporta/ le bombe grandi cominciavano a tirare / ma è la festa di Sant'Adamo/ ogni male non porta mai danno./Quando il fuochista finisce di sparare/ la gente a casa comincia a rientrare/c'è quello che subito va a dormire/ perché il giorno dopo deve andare a lavorare/ invece c' è quello che ha poco da fare/ bene quello continua ancora a passeggiare/ però tutti vanno a dormire/ pieni di gioia e tanta allegria/ si è fatta la festa di Sant'Adamo/ ogni male non porta mai danno..

Poesia tratta dal libro di Vincenzo Lorito “Guglionesi. Storia e fantasia”.
Traduzione di Adele Terzano


FUORI PORTA WEB © 2000-2022
Vietata la riproduzione, anche parziale e/o in digitale (e attraverso post sui social), senza autorizzazione scritta e rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.

Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare la richiesta di divulgazione all'e-mail:
fpw@guglionesi.com