F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA

www.guglionesi.com
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di
ARS idea studio.

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
È proprio perché immaginiamo una comunità migliore, in ogni senso, con umiltà mettiamo a disposizione della collettività il nostro impegno.

........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (
Vincenzo Di Sabato)



 




 
 

 


Condividi
l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB

 
Articolo consultato 2046 volte ● Archivio 12398 FPW

 Guglionesi 
L'Agricoltura in Basso Molise si potrà ancora fare?


Giorgio Scarlato
Pubblicato in data 27/4/2022 ● FUORI PORTA WEB © 2000

Sono Giorgio Scarlato ed a nome delle aziende agricole ubicate tra lo sbarramento della diga del Liscione e lo svincolo di Larino - Guglionesi - Palata denominato "Ponte dello sceriffo", sulla statale "Bifernina", che mi faccio portavoce della richiesta di interventi immediati e definitivi a sostegno del settore già allo stremo.

E quando parlo di interventi immediati non mi riferisco ad aiuti, che occorrerebbero, per il riacutizzarsi della crisi economica che già da oltre due decenni attanaglia e sta letteralmente massacrando la nostra Agricoltura a causa dei prezzi di vendita delle derrate che non coprono minimamente i costi per produrle e degli aumenti esorbitanti delle materie prime come fertilizzanti, gasolio, attrezzature agricole, fitofarmaci, etc. E di questo dramma, con molto ritardo, anche le tv nazionali se ne sono rese conto e ora spesso ne parlano.
Purtroppo si attendono atti concreti funzionali di chi siede sulle ovattate e comode poltrone del potere e non ancora si rende conto che per gli agricoltori, quelli che hanno i loro piedi nella terra, sia essa fangosa o zollosa, che non è più umanamente sopportabile il continuare ad operare in simil maniera.
E' impossibile affrontare questa guerra economica con armi inadeguate ed obsolete; non si può competere con la globalizzazione così!!!
Per non parlare dei furti di attrezzature, d'impianti irrigui, di gasolio od altro che sistematicamente si compiono nelle campagne. Nulla si fa.

Il colpo mortale, quello del ko, è inferto dalla fauna selvatica tutelata dalle leggi nazionali, dai cinghiali, caprioli e lupi che infestano la zona da svariati anni e che proliferano sempre più e dal Consorzio di bonifica Trigno e Biferno grazie al suo impianto irriguo con le tecnologiche teste di idranti di ultima generazione che funzionano a ... "come si trovano di luna".

Grazie a questi animali protetti, soprattutto i cinghiali, non si riesce a coltivare più nulla. Meloni, girasoli (foto azienda Scarlato), granoni, favini, ceci, lo stesso grano duro sono alla loro mercè.
Devastano tutto ciò che trovano lungo il loro cammino.

Sulla strada sp "Santa Giusta" hanno causato diversi incidenti con auto quasi distrutte , loro stessi vittime (foto) ed arrivano anche di notte sotto le abitazioni (foto azienda Scarlato).
A nulla servono, e quando arrivano, i risarcimenti della Regione sono sperequati. Ad es. l'ultima campagna agraria i girasoli sono stati quotati dalla Regione, nel mese settembre, a
€ 30,00/ql contro il saldo finale di gennaio '22 del commerciante di € 48,1 + 4% IVA/ql. E' facile rendersi conto della differenza di prezzo al ribasso. Ed anche qui è sempre il coltivatore che ci rimette. Se si vuole adire a vie legali, per costi e tempi della Giustizia diventa una odissea. E poi, questo si dovrebbe fare e subire ogni anno? Non si può!! Chi ha responsabilità deve agire!!!

Ora, anche i caprioli stanno distruggendo giornalmente gli impianti mobili irrigui posizionati sui terreni. E' questa volta è l'azienda Cipolletti a vedersi danneggiata.
Le foto sono significative di quanto sta loro accadendo. Gabriele e Michele hanno ribadito che non ne possono più. In maniera più lieve era successo anche negli anni scorsi ma non come quest'anno. Dicono: "E' impossibile lavorare ancora così! Macinare km a piedi due volte al giorno per controllare i circa sette ettari investiti a cipolle per vedere se ci sono rotture causate dai caprioli che mordono i tubicini di gomma degli irrigatorini e le manichette di mandata "Lay Flat è pazzesco. Due operai per controllare l'impianto ogni giorno!"

Per quanto concerne l'altra questione del consorzio di bonifica, sempre a dire dei Cipolletti: "la pressione già bassa, varia al variare del riempimento della vasca di accumulo e negli ultimi anni si è ancor di più accentuata l'anomalia a causa della sostituzione delle vecchie teste di idranti con le nuove elettroniche. Idranti che si chiudono da soli; che pur ricevendo impulsi per l'apertura, non si aprono; che si chiudono per un minimo abbassamento di pressione sulla linea. E' uno stillicidio lavorativo, non se ne può più. Bisognerebbe vivere in un camper per vedere da vicino il funzionamento 24 ore su 24?"

Una ultima puntualizzazione. Nella nostra azienda nata con immani sacrifici dai nostri genitori, all'epoca mezzadri, ampliata e modernizzata da noi con non poche difficoltà, ad oggi per tenerla in vita di questi tempi ci operano ben cinque nuclei di famiglia e numerosi operai, quindi altre famiglie, che lavorano. Visti i tanti imprevisti e criticità sopra puntualizzate, si badi bene non per nostra colpa ma per disinteresse altrui, preferiamo a questo punto ridimensionare o addirittura rinunciare a produrre, vivere una vita meno complicata e sicuramente più tranquilla.
Parliamo della nostra azienda ma sappiamo di tante altre che pur vivendo lo stesso dramma e disperazione, soffrono in silenzio. Attenzione...la pazienza è finita. Di questo passo di aziende agricole sul territorio ne resteranno ben poche. E quando si sente parlare di combattere lo spopolamento, di fare in modo che i giovani restino o addirittura entrino nel settore... qualche perplessità c'é. Forse non comprendono perché non ci sono mai stati e quindi parlando in teoria il loro dire è lontano anni luce dalla realtà. Basta demagogia."  

FUORI PORTA WEB © 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.


Segui FUORI PORTA WEB sui social

  


Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare l'e-mail all'indirizzo

fpw@guglionesi.com






FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com