F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA

www.guglionesi.com
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di
ARS idea studio.

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
È proprio perché immaginiamo una comunità migliore, in ogni senso, con umiltà mettiamo a disposizione della collettività il nostro impegno.

........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (
Vincenzo Di Sabato)



 




 
 

 


Condividi
l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB

 
Articolo consultato 2467 volte ● Archivio 2226 FPW

 Guglionesi 
1548. Guglionesi nel XVI secolo


Domenico Aceto
Pubblicato in data 9/10/2009 ● FUORI PORTA WEB © 2000

Nell’archivio storico parrocchiale di Guglionesi, esistono quattro volumi di atti notarili del XVI secolo. Come mai siano finiti lì, nessuno lo sa. Si può solo avanzare l’ipotesi che qualche sacerdote li abbia presi per studiarli e che alla sua morte siano rimasti fra le altre carte della parrocchia.
Questi volumi hanno sempre stimolato la curiosità dei ricercatori e, nonostante i vari tentativi fatti in epoche diverse, sono rimasti indecifrati; perciò, per molto tempo, il loro contenuto è rimasto sconosciuto.
Si tratta di carte, talvolta lacere o macchiate, raccolte in quattro volumi rilegati, di cui due conservano ancora la copertina in pergamena. L’unica cosa evidente è che ogni volume contiene documenti relativi a un determinato anno e gli anni sono 1546, 1548, 1551 e 1562.
Venuto a contatto con essi, ho costatato che la difficoltà di decifrazione, dipendeva principalmente da astrusità lessicali e da un gran numero di abbreviazioni le quali rendevano quasi incomprensibili tantissime parole. Tuttavia, continuando l’esame e decifrate alcune parole chiave, poco alla volta è stato possibile interpretarli ed è venuto fuori tutto il loro contenuto. Cercando poi notizie su questi volumi, ho scoperto che, alla fine del secolo scorso, uno studioso locale, il canonico Angelo Maria Rocchia, parlando dell’archivio parrocchiale, li cita, classificandoli “indecifrabili”, mentre un notaio del XVIII secolo ha interpretato solo alcuni di essi tracciandone il regesto. Notizie più precise si ricavano da un documento del 1812. Si tratta di una lettera di consegna di 14 volumi di atti notarili fatta dalla camera notarile del Molise al notaio Luciano Barone di Guglionesi.

In essa si dice: “Si consegnano al notaio Luciano Barone di questo detto comune, per tenerli ad ogni ordine della detta camera notariale, e perché essi volumi sono di carattere niente intelligibile ed in buona parte laceri; si descrivono perciò il numero dei volumi sudetti, e delle carte scritte che li compongono.
Un spezzone senza veste, e squinternato di molti istrumenti di più anni di carte scritte n. duecentotrenta.
Un volume in ottavo dell’anno 1541 di carte scritte n. ottantacinque.
Un altro del 1543 squinternato che comincia dal fol. Secondo fino al numero 94 con qualche pag. mancante.
Un altro volume anche senza veste di carte scritte centoventinove dell’anno 1545.
Un altro con coverta lacera del 1546 di carte scritte n. 133.
Un altro in volume grande del 1548 di carte scritte n. centotrentadue.
Un altro che salta al millecinquecentocinquanta anche grande di carte scritte duecentocinquantadue.
Un altro del millecinquecentocinquantuno di carte scritte n. centosessantedue.
Un altro del millecinquecentocinquantadue di carte scritte centocinquantaquattro.
Il detto è 1554.(1)
Un altro del millecinquecentocinquantacinque di carte scritte centocinquantotto.
Un altro del millecinquecentocinquantasette mancando il precedente di carte scritte.
(1)Qui si vuole indicare un altro volume.
Centosessantaquattro.
Un altro del millecinquecentosessanta di carte scritte num. Duecentoventitre.
Un altro del millecinquecentosessantuno di carte scritte centotrentacinque.
Un altro del millecinquecentosessantadue di carte scritte centoquarantatre.
Ed un altro del millecinquecentosessantatre di carte scritte num. Centoquarantacinque.
Le sopra descritte scede di esso fu not. Leonardo Manfrodini si è consegnato da esso detto D. Angelo Antonio La Porta procuratore del detto regio collegio di S.M.M. a me not. Luciano Barone di questo comune di Guglionesi, per conservarla e tenerla ad ogni ordine della Camera Notariale di Campobasso e dar conto degli emolumenti se ve ne saranno, ma l’elenco ha bisogno di molto tempo, se è possibile a farlo per l’astrusità del carattere. Guglionesi li 29 febbraio 1812
".

Apprendiamo così che, oltre al volume con “istrumenti di più anni”, il primo era datato 1541 e l’ultimo 1563. Il notaio che aveva compilato questi atti ha quindi esercitato a Guglionesi certamente per 23 anni e avrebbe quindi raccolto 23 volumi di atti, uno per ogni annata. Ma nel 1812, ne esistono solo 14. Di questi, solo quattro sono arrivati fino a noi, cioè quelli relativi agli anni citati.
Del notaio che ha stilato questi atti, purtroppo abbiamo solo le pochissime notizie che si possono ricavare dagli atti stessi. Apprendiamo così che si chiamava Giovanni Leonardo De Manfrodinis (talvolta è scritto Manfrodino), era di Lanciano ma abitava a Guglionesi, in una casa con orto “ sita in contrada S. Pietro”. Con lui viveva un fratello o figlio, citato in un documento come testimone. Un’altra notizia della famiglia di questo notaio la troviamo in un documento dell’inizio del XVII secolo in cui si dice che nel 1625, nell’ospedale di S. Giovanni in Laterano in Roma, muore il chierico Giovanni Leonardo Manfredino di Guglionesi senza eredi e lascia alla chiesa di S. Pietro di Guglionesi due case e un pezzo di terra con l’obbligo di celebrare cinque messe settimanali per la sua anima. Molto probabilmente si tratta del nipote del nostro notaio di cui porta anche il nome.
Esaminando i documenti dal punto di vista grafico e linguistico, bisogna dire, innanzitutto che non si tratta di atti originali, perché mancano le firme autografe dei vari testimoni e del notaio, ma di copie trascritte dallo stesso notaio o da qualche incaricato e fatti rilegare annata per annata. Per buona parte sono scritti in latino con tante parti in volgare, specialmente quando si devono esporre specificatamente disposizioni o accordi fra persone non letterate o quando riguardano la comunità. Talvolta, prima del pezzo in italiano, troviamo la dicitura “ asseruerunt per vulgari sermone prius venia petita” (asserirono in lingua volgare dopo aver chiesto scusa).
Considerando poi l’italiano di questi documenti, la prima cosa che balza agli occhi è la mancanza di apostrofi e di accenti, ( questi sono stati introdotti nella lingua italiana da Pietro Bembo, solo all’inizio del 1500, quindi ancora presto per adoperarsi in tutta Italia); le “n” semplici o doppie spesso sono espresse con “nd” ( “sondo” per sono, “dando” per danno, ecc.). Molti sono i termini desueti, quali “coltra” per coperta, “sparvero” per mantello e tanti altri. Molte sono anche le parole di chiara provenienza straniera, come “ regliero” ( cuscino) e “rua” (strada) dal francese “oreiller” e “rue”; “ ad lande”, dallo spagnolo “adelante” (avanti), ecc.
Decifrati e letti, questi documenti sono una miniera di informazioni. Essi ci danno notizie che difficilmente potremmo trovare nei comuni libri di storia. In essi c’è di tutto: dai contratti matrimoniali ai testamenti, dalle costituzioni di società alla stipula di pace fra persone dopo liti sanguinose; dalla vendita di beni all’asta alla patetica descrizione delle proprie disgrazie. Ci offrono insomma uno spaccato di vita di un piccolo centro del regno di Sicilia più di quattro secoli fa.
Di volta in volta noi presenteremo i documenti più significativi, per potere, attraverso la loro lettura, avere un quadro della vita che si svolgeva a Guglionesi nel XVI secolo in tutti i suoi aspetti: sociali, economici, politici, demografici, ecc.
Il volume con gli atti del 1546 è stato già pubblicato (al prezzo di € 5,00). Speriamo di riuscire a pubblicare il secondo volume con gli atti del 1548.

-------------

Nota della redazione di Fuoriportaweb.
Nell'ultimo ventennio un ristretto gruppo di volontari di Guglionesi, senza alcuna pretesa economica nonché di autorevolezza storica, ha deciso di iniziare a leggere, concretamente, la storia locale attraverso i documenti conservati negli archivi. Una difficile impresa di lettura, di trascrizione, di riorganizzazione, di confronto dei dati archiviati che esula dai giudizi di storicismo. Infatti, si è trattata di una iniziativa che in nessun modo ha mai inteso invadere competenze specifiche in materia. Lo studio della Storia, come interpretazione degli eventi, lo si lascia agli intellettuali in grado di analizzarne il contenuto culturale.
L'impresa di lettura, finora, è stata un'operazione culturale, mai esercitata prima in tale contesto, con metodologia sicuramente culturale, con tanta passione e con buona volontà, spesso poi pubblicando i testi inediti in argomento a quasi totalità delle spese degli stessi autori. Cioè, deliberatamente e consapevolmente, senza alcuna garanzia di recupero dell'investimento economico.
Dal presente articolo storico, pubblicato su Fuoriportaweb, saranno allegate alcune pagine documentali (e dimostrative!) dei brani trascritti dagli archivi storici locali per rendere meglio al lettore, non solo di Fuoriportaweb, l'oggettiva difficoltà e, dunque, la meritoria iniziativa nella valorizzazione del patrimonio culturale divulgato alle generazioni, attuale e futura, dal gruppo di volontari di Guglionesi. Nei prossimi articoli compariranno copie di documenti di estrema difficoltà nella leggibilità e nella trascrizione.

 

FUORI PORTA WEB © 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.


Segui FUORI PORTA WEB sui social

  


Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare l'e-mail all'indirizzo

fpw@guglionesi.com






FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com