F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.

www.guglionesi.com ● ANNO 20°

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (Vincenzo Di Sabato)

 




Condividi l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB


Pubblicato in data 3/2/2010 ● Articolo consultato 1080 volte ● Archivio 2591 FPW

Guglionesi
Il "Piano casa", miglioramento del patrimonio edilizio nella Regione Molise


Redazione FPW ● FUORI PORTA WEB © 2000

[Fuoriportaweb] - (Guglionesi, 3 Febbraio 2010) Notizia di ieri, il Governo ha deciso di sopprimere il "Piano casa" (e il Condono edilizio) dal decreto milleproroghe, specificando in un comunicato stampa di Palazzo Chigi che "sono questioni non omogenee alla materia e prive dei requisiti di necessità ed urgenza". La Regione Molise (Bollettino Ufficiale n. 30 del 16/12/2009 della L.R. 11/12/2009, n. 30), ha recentemente emanato misure per il sostegno al settore edilizio tramite interventi finalizzati al miglioramento della qualità del patrimonio edilizio: interventi di ampliamento e demolizione con ricostruzione con aumenti di cubatura fino al 50% (interessati edifici a destinazione anche non residenziale). Il provvedimento, a carattere straordinario, è entrato in vigore il 17/12/2009. Le denunce di inizio attività per l'esecuzione degli interventi previsti dalla legge possono essere presentate entro il 14/02/2012.
Abbiamo incontrato l'ing. Antonio Lucarelli, Assessore all'Urbanistica e all'Ambiente del Comune di Guglionesi, per una breve intervista di FPW sul "Piano casa" regionale. Qualche giorno fa l'assessorato presieduto dall'ing. Lucarelli aveva organizzato un incontro pubblico a Guglionesi, con la partecipazione dell'on. Riccardo Tamburro, per presentare le direttive del provvedimento. Siamo tornati sull'argomento cercando di chiarire alcune circostanze.

Ing. Lucarelli, la Regione Molise vara il “Piano casa”. Di cosa si tratta?

La Legge regionale n.30/2009, sinteticamente detta “Piano casa”, è una legge che discende da un accordo tra lo Stato e le Regioni per consentire un intervento straordinario per il rilancio del settore edilizio, per promuovere le tecniche di bioedilizia e l’utilizzo delle energie alternative rinnovabili, nonché per sostenere l’edilizia sociale per le categorie svantaggiate”.
La straordinarietà è evidente e si ricava dalla durata di due anni della legge.

Ci sono particolari specifiche?

La legge cerca di raggiungere le finalità con delle premialità e con deroghe urbanistiche. Le premialità consistono nel concedere cubature (per le residenze) o superfici ( per le costruzioni non residenziali) rispetto all’esistente variabilì fino ad arrivare a valori del 50% in più quando ci si impegni al risparmio energetico, al rispetto della tipologia esistente, alla manutenzione dell’intero edificio esistente. Altra premialità è la riduzione sostanziosa degli oneri di urbanizzazione. Le tipologie fattibili per attingere alle premialità sono ampliamenti, sopraelevazioni, demolizioni e ricostruzioni, cambiamenti parziali o totali di destinazione d’uso anche in zona agricola. Vengono fatti salvi i diritti di cubatura non ancora sfruttati sul lotto derivanti dagli strumenti urbanistici. Unico limite è quello di 300 mc per intervento ed è consentito anche l’asservimento dell’aumento premiale spettante ad altra unità immobiliare contigua o appartenente allo stesso corpo di fabbrica. Nel caso non fosse possibile il rispetto degli standard (ad esempio l’area da destinare a parcheggio non vi fosse o non fosse sufficiente) è prevista la monetizzazione.
Tutto questo in deroga al regolamento edilizio e agli strumenti urbanistici, ma non alla legge sismica, al rispetto delle distanze del codice civile ed all’ottenimento dei pareri necessari. Altro aspetto da non trascurare l’accelerazione delle procedure attraverso la DIA.

Il provvedimento riguarda il centro storico?
La legge, purtroppo, non si applica al centro storico. E’ stata questa una decisione sofferta presa in sede di accordo Stato-Regioni. Si doveva, pur imponendo paletti (quale quello della non derogabilità del Piano di recupero), almeno consentire di attingere alla riduzione degli oneri e al cambio di destinazione d’uso. (Questo, naturalmente, è un parere personale ma ampiamente condiviso).

Sarà predisposto una particolare attenzione al “Piano casa” da parte dell’Amministrazione comunale di Guglionesi?
L’Amministrazione comunale, dopo due riunioni della Commissione consiliare, anche tenendo conto delle risultanze unanimi, non metterà paletti ulteriori. L’avrebbe potuto fare per escludere dalla possibilità di realizzare l’edilizia convenzionata-sovvenzionata (sociale) in alcune zone. Si è ritenuto che l’esclusione delle zone inidonee e non vocate avverrà sia per il controllo che effettuerà la conferenza di servizio prevista dalla legge prima della DIA, sia, soprattutto, per le valutazioni economiche che faranno le cooperative o gli imprenditori: l’assenza, eventuale, nelle vicinanze, delle reti incide molto sul costo di costruzione e non sarebbero, pertanto, rispettati i parametri economici dell’edilizia sociale.

Quali saranno gli effetti per gli strumenti urbanistici vigenti?
Non si prevedono effetti deleteri sugli strumenti urbanistici: anche questa è una valutazione unanime della Commissione consiliare.

“Piano casa” e Piano Regolatore Generale (PRG), come saranno integrabili?
Non è necessaria alcuna integrazione sia per la straordinarietà della legge sia per le deroghe già previste dalla stessa legge.

Infine, ing. Lucarelli, qual interesse ha mostrato finora la cittadinanza verso il “Piano casa”?
E’ ancora presto per riferire sull’interesse della cittadinanza. Da notare, però, a fronte di una notevole partecipazione, soprattutto degli operatori del settore edilizio, alla presentazione della legge fatta nella sala consiliare dall’on. Riccardo Tamburro, un certo pessimismo che, ci auguriamo cessi man mano che si chiariscono i vari aspetti dell’articolato. Per i dubbi legati alla situazione di crisi economica, si spera arrivino provvedimenti governativi di sostegno tanto attesi ed anche annunciati.
Voglio chiudere assicurando che la struttura comunale, supportata dal Comitato regionale previsto, è disponibile a dare, per ora, i necessari chiarimenti.

Ringraziando l'ing. Lucarelli per i chiarimenti forniti ai lettori di Fuoriportaweb, per maggiori informazioni invitiamo a consultare il sito web: http://www.legislazionetecnica.it  



Per pubblicare su Fuoriportaweb: fpw@guglionesi.com    




FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com