F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA

www.guglionesi.com
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di
ARS idea studio.

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
È proprio perché immaginiamo una comunità migliore, in ogni senso, con umiltà mettiamo a disposizione della collettività il nostro impegno.

........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (
Vincenzo Di Sabato)



 




 
 

 


Condividi
l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB

 
Articolo consultato 4738 volte ● Archivio 4016 FPW

 Guglionesi 
Toponomastica, il Risorgimento italiano tra le piazze e le strade


Luigi Sorella
Pubblicato in data 16/3/2011 ● FUORI PORTA WEB © 2000

Sulle ragioni e sugli effetti del processo di unificazione dell’Italia, nel revisionismo storico emerge una perplessità culturale che ha prospettive discordanti di lettura: nello svolgimento dell’unificazione dell’Italia il sud fu “annesso” al nord? La spiegazione storica (dunque le varie questioni relative ai Borboni, ai Savoia, alla Chiesa, alla massoneria, alla borghesia, al brigantaggio, etc.) spetta agli storici di ogni epoca e di ogni ispirazione o formazione culturale.
Leggendo i documenti negli archivi locali, ci si accorge come il fermento culturale pre e post unità d’Italia, nella visione pro unitaria, nel tardo Ottocento generò spontaneamente una sorta di attrazione celebrativa, nel sud come nel nord, verso il patriottismo risorgimentale, verso i suoi personaggi e verso gli episodi cardini.
Dopo l’unità d’Italia, pianificazione urbana e opere di infrastrutture furono - almeno sulla carta e nelle intenzioni dei politici - tra le priorità delle amministrazioni locali: pianificare nuovi spazi urbani per progettare opere strategiche all’innovazione del liberale Regno d'Italia (scuole, reti urbane, strade, etc.).
(…) La pianificazione urbanistica del rione “porta nova” di Guglionesi fu avviata già nella seconda metà del secolo decimo nono, subito dopo l’Unità d’Italia (17 marzo 1861). Fu il primo rione sviluppato, dal punto di vista dell’espansione urbanistica del paese, fuori dal nucleo del borgo antico di Guglionesi, ormai troppo piccolo per le circa 6.000 anime residenti entro le mura della città, in gran parte ancora fortificata - nella stratificazione urbanistica originaria di un castrum - sin dall’epoca longobarda (XI secolo).
(...) Dalla “porta appula”, nota anche come “porta nova” – “nuova” perché fu una porta aggiunta all’anello perimetrico della città fortificata, la terza in ordine di costruzione (dopo le principali denominate “porta sannitica o da capo” e “porta frentana o da piedi”), e rivolta nell’orientamento a levante, verso la regione “Apulia” (Puglia) –, fu pianificato il nuovo rione periferico di Guglionesi.
(…) Della progettazione urbanistica del nuovo rione l’11 luglio del 1877 fu incaricato l’ing. Francesco Sarri. L’espansione orientale della città, periferica al centro storico, fu divisa in “aree da costruirsi intorno ad una piazza principale"(…). “Detta piazza – si legge nel documento dell’archivio storico comunale di Guglionesi – si potrà decorare con un monumento all’augusta memoria del Re Vittorio Emanuele 2° Padre della Patria”. La “Strada Principale” del rione, nella sua illustrazione documentata in archivio, corrisponde all’attuale via Napoleone III.
(…) Le denominazioni toponomastiche redatte per il rione “porta nova” sono un rimando storico al Risorgimento italiano e ai protagonisti dell’unità d’Italia, fenomeno culturale e patriottico che ha lasciato, nella storia urbanistica di tutte le città d’Italia, tracce celebrative.
Guglionesi, ancora oggi, preserva nell’intero rione “porta nova” la toponomastica risorgimentale: via Giuseppe Mazzini (Mazzini fu tra i protagonisti del movimento patriottico che nel 1861 condusse all’Unità d’Italia); via Massimo D’Azeglio (patriota culturale, moderato e liberale nonché pittore, scrittore politico e romanziere); via Giuseppe Garibaldi (detto anche “Eroe dei due mondi” per le imprese militari in Europa e in America meridionale, personaggio rilevante del Risorgimento [“la spedizione dei Mille” diede concretezza al processo di unificazione dell’Italia], generale militare al quale Guglionesi dedicò anche il largo Garibaldi [Castellara]); via Camillo Benso conte di Cavour (protagonista del Risorgimento, liberale e ispiratore del progresso civile, culturale ed economico); via Vittorio Emanuele II di Savoia (ultimo re di Sardegna [1849-1861] e primo re d’Italia [1861-1878] dopo l'unità del 1861); via Napoleone III di Francia (improvviso e complesso protagonista del Risorgimento italiano, presidente della Repubblica francese [1848-1852] e imperatore [1852-1870]); via fratelli Cairoli (patrioti italiani, pavesi e figure di rilievo del Risorgimento); via Solferino e via San Martino (24 giugno 1859, leggendarie battaglie della seconda guerra d’indipendenza italiana, tra l’esercito austriaco e quello franco-sardo); via Magenta (26 aprile 1859 - 12 luglio 1859, storica battaglia della seconda guerra d’indipendenza italiana, tra l’esercito austriaco e quello franco-piemontese); via Palestro (21 maggio 1859, battaglia della seconda guerra d’indipendenza italiana, tra l’esercito austriaco e quello piemontese); via Calatafimi (15 maggio 1860, battaglia combattuta dai Mille garibaldini e dai siciliani contro i militari borbonici della brigata del generale Francesco Landi); via XX settembre (20 settembre 1870, giorno in cui i soldati italiani entrarono nella città Roma per la Breccia di Porta Pia e dunque con l'annessione di Roma al Regno d'Italia, la fine del potere temporale dello Stato Pontificio e il trasferimento da Firenze a Roma [legge 3 febbraio 1871] della capitale); via Castelfidardo (18 settembre 1860, battaglia combattuta tra le truppe piemontesi guidate dal re Vittorio Emanuele II e le truppe papaline dello Stato Pontificio); (...) piazza Indipendenza (piazza antistante l’edificio scolastico, di epoca fascista, uno spazio urbanistico che domina il quartiere “risorgimentale” di “porta nova” e dedicato al risveglio liberale che promosse l’unificazione del Regno d’Italia).
(…) Nel primo decennio del XX secolo si registrano diverse varianti al piano urbanistico del rione “porta nova” di Guglionesi, con ulteriori espansioni dello stesso rione e della rete stradale annessa, della quale la circonvallazione fu ultimata e inaugurata il 12 settembre 1958 con la denominazione toponomastica di via Portanova (…).
[Testo estratto dal capitolo: “Urbanistica e toponomastica dell’800: il Risorgimento italiano tra le piazze e le strade”, in “Guglionesi. Appunti culturali.”, di Luigi Sorella, libro in fase di stesura].

Documenti storici di Guglionesi

Via Massimo D'Azeglio (Guglionesi, rione "Portanova")

Via Giuseppe Mazzini (Guglionesi, rione "Portanova")

Via Giuseppe Garibaldi (Guglionesi, rione "Portanova")

Via Vittorio Emanuele II e la traversa via Giuseppe Garibaldi (Guglionesi, rione "Portanova")

Via Calatafimi (Guglionesi, rione "Portanova")

Via Magenta (Guglionesi, rione "Portanova")

Rione "Portanova" a Guglionesi con toponomastica dedicata al Risorgimento italiano  

FUORI PORTA WEB © 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.


Segui FUORI PORTA WEB sui social

  


Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare l'e-mail all'indirizzo

fpw@guglionesi.com






FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com