F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA

www.guglionesi.com
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di
ARS idea studio.

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
È proprio perché immaginiamo una comunità migliore, in ogni senso, con umiltà mettiamo a disposizione della collettività il nostro impegno.

........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (
Vincenzo Di Sabato)



 




 
 

 


Condividi
l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB

 
Articolo consultato 2483 volte ● Archivio 5148 FPW

 Guglionesi 
Frate Francesco da Guglionesi, l'artista di statue in legno policromo del Seicento


Luigi Sorella
Pubblicato in data 2/5/2012 ● FUORI PORTA WEB © 2000

Nel 1650 circa, la bolla papale “Instaurandae regularis disciplinae” di Innocenzo X determinò la soppressione di numerosi piccoli conventi in Italia. A partire dalla seconda metà del secolo decimo settimo, alcuni conventi furono riaperti, rinnovati anche dal punto di vista artistico oltre che nella disciplina religiosa della Regola francescana.

Ad Oriolo Romano (un comune laziale in provincia di Viterbo che oggi conta meno di 4.000 anime), il principe don Gaspare Altieri, signore di quella terra dal 1671 al 1721, verso il 1675 finanziò la costruzione del convento francescano dedicato a Sant’Antonio di Padova, ospitando la famiglia religiosa dei PP. Minori Riformati. Probabilmente, come riportano le fonti documentarie di storia locale, il principe Altieri eresse il convento di Sant’Antonio di Padova nel sito ove vi era memoria di una cappella dedicata allo stesso Santo dai suoi antenati, i nobili Paluzzi-Albertoni, forse già oasi conventuale, prima della soppressione innocenziana, della famiglia francescana dei PP. Minori Conventuali.

Addì 26 Giugno 1673, il principe D. Gaspare Altieri, a del P. Provinciale (p. Prospero da Taranto) e dei Frati Minori Riformati, desideroso di formare un convento nella terra dell’Oriolo, ritenuta la proposta utile e gradita alla popolazione dell’Oriolo, avuto riguardo ai Reverendi Padri per i loro lodevoli meriti di scienza, di attività, e di rettitudine, concesse in pieno diritto ad essi e per essi al Rev. P. Gio. Paolo da Roma, deputato a ciò dal P. Provincilae, la località nella contrada "La strada Romana", contrassegnata con una croce di legno e determinata con i nomi dei confinanti (…)” [Archivio comunale “Notaio Ferdinando Crescini”, vol. 27, pag. 651].
L’atto notarile venne stipulato in loco e secondo la fonti locali P. Gio. Paolo fu il confessore della madre del Cardinale Filippo Altieri.

Per le rendite della famiglia religiosa fu concesso un terreno annesso al convento di circa 16.000 metri quadri, pari a un rubbio in misura locale.

Alla costruzione del convento fu chiamato “in opera a giudizio di P. Giuseppe da Lugano, deputato in detta fabbrica del nuovo Convento di S. Antonio”. Il materiale da costruzione fu fornito e pagato dal principe Altieri, mentre alla costruzione provvidero gli stessi frati: Fra Giuseppe da Lugano e Fra Primo da Soriano in qualità da muratori, mentre il P. Giuseppe da Pesaro, sacerdote, li assistette spiritualmente.
Un cronista del tempo, P. Ludovico da Modena, che nell’anno 1674 aveva predicato la quaresima ad Oriolo Romano, raccontò lo splendore del nuovo convento di Sant’Antonio: “La fabbrica del Convento riuscì con quella solidezza e comodità che potea ripromettersi da religiosi, i quali più che ogni altro artista conoscono i bisogni di una comunità: ha in tre dormitori ventitre celle, e nel pianterreno spaziose officine”.

La chiesa seicentesca fu arricchita di arredi, suppellettili e opere artistiche.
Due statue, in legno policromo, rappresentanti San Francesco d’Assisi e San Bernardino da Siena furono realizzate tra il 1675 e il 1690 da frate Francesco da Guglionesi. All’artista religioso di Guglionesi è attribuito anche il manufatto ligneo “Cristo con la colomba dello Spirito Santo” collocato nell’altare della chiesa conventuale di Oriolo.

Le opere d'arte di Fra Francesco da Guglionesi (chiesa di S. Antonio - Oriolo Romano)  

FUORI PORTA WEB © 2000
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta rilasciata, esclusivamente, dal blogger fondatore.


Segui FUORI PORTA WEB sui social

  


Per pubblicare sul blog FUORI PORTA WEB inviare l'e-mail all'indirizzo

fpw@guglionesi.com






FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com