F U O R I  P O R T A  W E B
BLOG FONDATO NEL GIUGNO DEL 2000
TRA I PRIMI BLOG FONDATI IN ITALIA
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali e/o pubblici.
È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.

www.guglionesi.com ● ANNO 20°

Blogger fondatore Luigi Sorella
La Bellezza genera sensibilità alla consapevolezza.
Un viaggio nella cultura non ha alcuna meta.
Cultura è anche innovazione nel comunicare il sapere.
........
"E Luigi svela, così, l'irresistibile follia interiore per l'alma terra dei padri sacra e santa." (Vincenzo Di Sabato)

 




Condividi l'articolo:
 

HOMEPAGE FUORI PORTA WEB


Pubblicato in data 4/6/2016 ● Articolo consultato 667 volte ● Archivio 9758 FPW

Guglionesi
Origine e storia di alcune canzoni napoletane


Maria Antonietta Cacchione ● FUORI PORTA WEB © 2000

La canzone napoletana è diffusa in tutto il mondo, grazie al contributo di grandi autori e musicisti che sono riusciti a esprimere profondi e immortali sentimenti.
Alcune canzoni sono intrise di profonda malinconia, nostalgia per la terra lontana, amore per gli esseri umani, ammirazione per la natura viva e palpitante. È interessante per il lettore conoscere la storia delle canzoni più note, il nome degli autori, le circostanze che hanno permesso la loro creazione.
"TE VOGLIO BENE ASSAI", scritta da Raffaele Sacco e musicata da Donizetti nel 1835, ebbe un tale successo da essere cantata in ogni rione della città.
"FENESTA CA LUCIVE", noto canto popolare napoletano, fu pubblicata verso il 1854 da Mariano Paolella e musicata da Rossini o forse Bellini. La canzone risale al 1567; scritta da Matteo Gangi, notaio e poeta palermitano; descrive l'uccisione della baronessa di Carini dalla mano del padre, che aveva scoperto una relazione segreta con Vincenzo Vernagallo. La leggenda narra che la contessa prima di morire, lasciò la mano insanguinata sul muro.
Non possiamo tralasciare la bella canzone "O SOLE MIO", pubblicata nel 1898, scritta da Giovanni Capurro e musicata da Eduardo Di Capua, che fu ispirato da una splendida alba sul mar nero a Odessa. I più grandi interpreti di questa canzone furono, Caruso, Elvis Presley, Roberto Murolo.
Sono tante le canzoni i cui versi appartengono a Salvatore Di Giacomo: "E SPINGOLE FRANCESE", "ERA DE MAGGIO", "A MARECHIARE", e altre meno conosciute.
Sicuramente uno dei maggiori interpreti della canzone napoletana è stato Roberto Murolo che , con la sua variegata e melodiosa voce, è riuscito a suscitare profonde emozioni e un turbinio di sentimenti  



Per pubblicare su Fuoriportaweb: fpw@guglionesi.com    




FUORI PORTA WEB

Sito non rientrante nella categoria dell'informazione periodica (Legge n. 62 del 7 marzo 2001)
.
Il sito non è finanziato con fondi di Enti istituzionali. È un'iniziativa culturale di ARS idea studio.
Note legali sull'uso del blog FUORI PORTA WEB


ARS ● C.so Conte di Torino 15 ● 86034 Guglionesi (CB) ● Tel. +39 0875 681040 - +39 0875 518133 ● P.IVA 01423060704
Tutti i diritti riservati da Fuoriportaweb by ARSideastudio.com